Il problema si porrà, con il pignoramento dello stipendio, nel momento in cui lei dovesse trovare un'occupazione da lavoratore dipendente

Il problema si porrà, probabilmente, nel momento in cui lei dovesse trovare un'occupazione da lavoratore dipendente a tempo indeterminato o, comunque, con un contratto a termine di durata poliennale.

Se, realizzatosi l'evento auspicato, il creditore decidesse di adire l'Autorità Giudiziaria con un ricorso per decreto ingiuntivo e se il debitore presentasse opposizione al decreto ingiuntivo notificatogli (come è sempre buona cosa fare), i 5300 euro di oggi, che diventeranno presumibilmente i 10 mila euro (o 20 milioni di lire?) di domani, dovranno essere dettagliatamente ed analiticamente illustrati al giudice e alla difesa legale del debitore.

Non sarà allora facile giustificare al giudice e rendere conto delle contestazioni mosse sugli interessi usurari applicati (tenuto conto che quelli legali viaggiano intorno allo zero e quelli di mora al 2-3%) e sugli onorari da 500 euro addebitati per ogni contatto effettuato dall'addetto al recupero crediti da contact center, o per ogni comunicazione standard inviata dallo studio dell'azzeccagarbugli assoldato per l'incombenza di turno.

10 ottobre 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca