Recupero crediti contro un debitore che non può pagare finanziamenti

Non posso pagare i finanziamenti - Dopo quanto si attiva recupero crediti?

Sto avendo difficoltà con i pagamenti delle due finanziarie che mi hanno fatto credito un paio d'anni fa per un importo di 30 mila e 20 mila euro

Sono sempre stato puntuale con le scadenze ma da qualche mese non riesco a pagare le rate con puntualità .

A volte son costretto a saltarle per un mese o due consecutivamente e poi quando posso le pago.

Mi chiamano continuamante anche sul posto di lavoro e io gli spiego sempre che mi sarebbe tanto piaciuto evitare questi problemi ma nn è colpa mia se nn riesco più a pagare.

Ho uno stipendio netto di 1100 euro e pago 800 euro di rate al mese.

Non riesco più a vivere e per far fronte alle spese di prima necessità sono costretto a saltare la rate ogni tanto.

Non possiedo nulla, a parte la macchina, e vivo con mia madre in una casa in fitto.

Non possediamo nulla di nulla.

La signora che mi ha chiamato mi ha detto che se non avessi fatto un bonifico per regolarizzare la mia posizione, avrebbe lasciato tutto nelle mani del recupero crediti.

Ma dopo quanto tempo si innescano i recupero crediti?

Io pago solo che non sono più puntuale come dicevo.

Se non può pagare non paghi e non si preoccupi del recupero crediti

Pagare a pioggia, a singhiozzo e quando si è consapevoli che la situazione debitoria è ormai insostenibile, non serve a nulla.

Nessuno ne terrà conto se un domani, avendo saldato i debiti, le dovesse servire un nuovo finanziamento.

L'accesso al credito le sarà precluso per sempre, anche se qualcuno le dirà che dopo 36 mesi dall'ultima segnalazione del creditore c'è la cancellazione del nominativo dalle banche dati dei cattivi pagatori.

Una favola, raccontata ai debitori ingenui che poi si dannano l'anima per poter ingrassare le società di recupero crediti con piani di rateazione estorti.

Finisce sempre che si paga la prima, la seconda rata, forse la terza e poi il giro ricomincia.

Come si può leggere dalla pubblicità che fa bella mostra di sé sul sito, se non puoi pagare, non pagare!

E per non pagare, aggiungo io (questo la pubblicità non lo dice) non c'è neanche bisogno di una consulenza.

Basta chiudere ogni contatto con i creditori, senza timidezze, paure o sudditanze psicologiche.

Perchè chiamate al telefono o visite domiciliari quando sono reiterate nel tempo e non concordate con il debitore, assumono la fattispecie di un reato penale che si chiama stalking.

Se le andasse male, le pignorano 220 euro al mese dallo stipendio.

Vita natural durante, è vero, ma almeno una vita dignitosa.

10 gennaio 2013 · Marzia Ciunfrini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cambiali ed assegni post datati - nelle mani delle società di recupero crediti nuocciono gravemente alla salute del debitore!
Sono protestata da quasi un anno e mezzo e non sono riuscita ancora a saldare il mio debito. Dopo lettere intimidatorie da parte delle societa recupero crediti, visite di procuratori ed agenti esattoriali, ufficiali giudiziari, sono ancora col dubbio di quanto possa ancora resistere all'avviso di un pignoramento e quanto ...
Recupero crediti » Stop dell'Autorità per la tutela della privacy ai solleciti di pagamento preregistrati
Recupero crediti selvaggio: Altolà parziale dall'Autorità per la tutela della privacy ai solleciti di pagamento preregistrati. Una banca non può effettuare il recupero crediti mediante telefonate preregistrate. Ciò, a meno che non sia in grado di garantire che le sue comunicazioni giungano solo al destinatario o a persone da questi ...
Recupero crediti: ossessionare il debitore » Purtroppo la pratica più usata
Ossessionare il debitore paga sempre. Risale al 30 novembre del 2005 il provvedimento dell'Autorità per la tutela della privacy che disciplina la Liceità, correttezza e pertinenza nell'attività di recupero crediti ma, a distanza di anni, tali principi non vengono rispettati da tutti gli operatori del settore, come testimoniano anche recenti ...
Recupero crediti e stalking » I suggerimenti dei legali
Anche le società di recupero crediti accusano le recente la crisi economica: le tasche dei cittadini, infatti, sono sempre più vuote, fatto che ha reso la riscossione molto complicata. Così, molto spesso, gli agenti recuperatori ricorrono a mezzi sempre meno ortodossi. Non si fanno scrupoli, ad alzare la voce, a ...
Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti contro un debitore che non può pagare finanziamenti. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti contro un debitore che non può pagare finanziamenti Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 10 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Alex Sam 3 ottobre 2013 at 19:13

    Buonasera a tutti. Vorrei avere, se possibile, dei consigli sul come comportarmi: Ho una carta revolving 12 mesi con Compass da 1 anno. Negli ultimi mesi ho perso il lavoro e sto pagando le rate con un mese di ritardo, esempio( Ottobre 2013 pago la rata di Settembre 2013 e così via, questo mio modo va avanti da giugno 2013)nel mese di settembre e ottobre le rate si sono gonfiate da 280eurocirca a 430circa io penso che ci siano comprese nella rata anche la mora. Devo pagarla? e se non la pago mi può accadere qualcosa? Grazie per la risposta.

    • Carla Benvenuto 4 ottobre 2013 at 05:34

      La cosa migliore da fare è chiamare il creditore e farsi inviare il dettaglio delle causali relative all’importo richiesto. Queste sono le conseguenze a cui si va incontro quando, a fronte di un ritardo, si decide poi di effettuare un rimborso “fai da te”.

      Se non paga, non credo che le succederà nulla, a parte il solito fastidio delle chiamate dai call center e le comunicazioni che le verranno recapitate a casa. Il tutto potrebbe poi concludersi con un convenevole accordo a saldo stralcio. Naturalmente, dopo aver rinunciato alla revolving.

    • Alex Sam 4 ottobre 2013 at 17:06

      La ringrazio per la risposta! “il dettaglio delle causali” a chi devo richiederlo? Alla Compass o all’angenzia del recupero crediti? Grazie della pazienza ma sono un po’ ignorante in materia

    • Carla Benvenuto 4 ottobre 2013 at 17:34

      L’estratto conto cronologico va richiesto alla società di recupero crediti che l’ha contattata.

      Se vuole acquisire informazioni che le potrebbero essere utili nella trattativa, le suggerisco di leggere gli articoli archiviati in questa sezione.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca