Recupero crediti » L'Agcm multa Esattoria S.r.l.

L'Antitrust sanziona una società di recupero crediti per pratiche scorrette messe in atto nei confronti del debitore

Recupero crediti scorretto: L'Agcm (autorità garante della concorrenza ed il mercato) con un nuovo provvedimento, ha inflitto una multa di 5 milioni di euro alla società Agenzia riscossioni, ovvero Esattoria srl.

Con il provvedimento pubblicato nel bollettino dell'11 Novembre, il numero 44, l'Antitrust ha ordinato alla società di recupero crediti la sospensione dell'invio ai consumatori di lettere qualificate come preavviso di esecuzione forzata.

Recupero crediti scorretto e la sanzione agcm: il provvedimento nel dettaglio

Secondo informazioni acquisite ai fini dell'applicazione del Codice del Consumo e le segnalazioni dell'Agenzia delle Entrate, di un'Associazione di consumatori e di un consumatore, pervenute nel periodo giugno/settembre 2013, il professionista avrebbe inoltrato, a diversi consumatori, al fine di recuperare presunti crediti, lettere di preavviso di esecuzione forzata.

Tali comunicazioni, facenti riferimento ad un titolo esecutivo rappresentato da un'ordinanza di ingiunzione senza alcuna indicazione degli estremi del titolo del debito, avvertono di un presunto inizio di un procedimento esecutivo avanti il tribunale competente per il pignoramento immobiliare e mobiliare rilevando che previo ordine del Tribunale, si procederà con l'Ufficiale Giudiziario all'asporto dei suddetti beni, se necessario con l'intervento della forza pubblica e forzando la porta in caso di sua assenza e sono impostate con modalità idonee ad ingenerare nei consumatori l'erroneo convincimento di esser destinatari di una procedura esecutiva iniziata dall'amministrazione finanziaria pubblica.

Le richiamate modalità, evidenziate, in particolar modo, dalla stessa Agenzia delle Entrate, sono rappresentate, nello specifico, dai segni distintivi usati dalla società, quali la denominazione sociale e il logo, che evoca quello della Repubblica, dal titolo el firmatario Il Direttore Ufficio Entrate e dal riferimento al fatto che la comunicazione sarebbe effettuata ai sensi dell'articolo 14 della legge numero 890/82 in quanto spetta solo all'amministrazione finanziaria pubblica il legittimo esercizio del potere di notifica ai sensi di quella legge.

Inoltre, sebbene il professionista si definisca come esattoria, non risulta compreso nell'Albo istituito dall'articolo 53 del Decreto Legislativo numero 446/97 dei soggetti abilitati alla gestione delle attività di liquidazione e di accertamento dei tributi e quelle di riscossione dei tributi e di altre entrate delle province e dei comuni.

Ritenuto, pertanto, che dall'esame degli atti del procedimento emergono elementi tali da avvalorare la necessità di provvedere con particolare urgenza al fine di impedire che la pratica commerciale sopra descritta, consistente nell'inoltro dei citati preavvisi di esecuzione forzata, continui ad essere posta in essere nelle more del procedimento di merito, dispone ai sensi dell'articolo 27, comma 3, del Codice del Consumo e dell'articolo 8, comma 1, del Regolamento, che la società Agenzia Riscossioni alias Esattoria srl:

  1. sospenda ogni attività d'inoltro dei citati preavvisi di esecuzione forzata;
  2. comunichi all'Autorità l'avvenuta esecuzione del presente provvedimento di sospensione e le relative modalità entro 10 giorni dal ricevimento del presente provvedimento, inviando una relazione dettagliata nella quale vengano illustrate le misure adottate.

Ai sensi del combinato disposto dell'articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo e dell'articolo 23, comma 12-quinquiesdecies, del decreto legge 6 luglio 2012, numero 95, come modificato dalla legge 7 agosto 2012, numero 135, in caso di inottemperanza alla presente delibera l'Autorità applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 a 5.000.000 euro.

Nei casi di reiterata inottemperanza l'Autorità può disporre la sospensione dell'attività di impresa per un periodo non superiore a trenta giorni.

Le considerazioni sulla multa alla società di recupero crediti

Diverse associazioni dei consumatori hanno manifestato la propria soddisfazione per il provvedimento in esame.

Le missive erano impostate con modalità idonee a ingenerare nei consumatori l'erroneo convincimento di esser destinatari di vere e proprie ingiunzioni da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Già a Settembre di quest’anno erano state inviate diverse richieste per cercare di stroncare l'odioso fenomeno del fiscal sounding.

Si tratta dell'uso a dir poco disinvolto da parte di alcune società di recupero crediti di avvisi spediti in buste verdi, come quelle usate dall'amministrazione fiscale, zeppi di termini para-legali e diciture tributarie.

Un comportamento stigmatizzato anche in sede dell'Osservatorio sul recupero Crediti promosso dalle associazioni dei consumatori con la società Euroservice.

A questo punto i consumatori hanno un'arma in più per difendersi da questi abusi potendo denunciare direttamente o tramite le associazioni azioni di recupero analoghe che per l'Antitrust integrano una pratica commerciale scorretta.

L'episodio dimostra infine che l'impianto normativo e di controllo del recupero crediti in Italia, incardinato dall'ormai lontano 1931 sulla disciplina delle Agenzie d'affari prevista all'articolo 115 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (R. D. numero 773/1931), non regge più alla nuova realtà del secondo millennio.

18 novembre 2013 · Giovanni Napoletano


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, ...
Recupero crediti e pratiche scorrette » Antitrust multa Fire S.p.a.
Un nuovo provvedimento dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), su segnalazione di Confconsumatori, ha sanzionato la società di recupero crediti Fire spa per 300 mila euro. Recupero crediti e pratiche scorrette » La vicenda L'Agcm, con il provvedimento 24473, ha multato l'impresa di Messina per pratica aggressiva perchè, ...
Recupero crediti scorretto » Antitrust sospende Ge.Ri. S.r.l.
Recupero crediti con pratiche scorrette: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) sospende la società GE.RI. Le agenzie di recupero crediti GE.RI ed ELLIOT facevano pervenire ai consumatori pressanti solleciti di pagamento di presunti crediti, talvolta con la minaccia di azioni legali e addirittura l'annuncio di una visita da ...
Recupero di crediti inesigibili - Citazione del debitore presso giudice di pace incompetente per territorio
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) è nuovamente intervenuta a tutela dei consumatori bersagliati da atti di citazione per crediti presumibilmente prescritti o inesistenti. Nella riunione del 30 maggio 2013, infatti, l'Antitrust ha sanzionato con una multa di 50 mila euro l'impresa individuale Consuelo Paravati che, secondo quanto ...
Tutela del debitore - attività antitrust nel settore del recupero crediti
Nel corso del 2012, è emersa la rilevanza, alla luce del periodo congiunturale negativo che sta vivendo il nostro Paese, di pratiche commerciali scorrette connesse con la difficoltà dei consumatori di far fronte alle proprie posizioni debitorie. In particolare, l'Autorità ha acceso un faro sulla scorrettezza dei comportamenti di società ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti » l'agcm multa esattoria s.r.l.. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti » L'Agcm multa Esattoria S.r.l. Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 18 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie e pubblicità ingannevole, servizi non richiesti Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca