Recesso dalla fideiussione e estensione garanzia

Dopo il recesso dall’impegno fideiussorio, il residuo obbligo di garanzia è limitato, entro l’importo massimo della fideiussione a suo tempo convenuto, alle sole obbligazioni già esistenti, con esclusione di quelle non ancora sorte a tale data.

Pertanto, l’estensione della garanzia alle obbligazioni del debitore principale non ancora sorte al momento di efficacia del recesso del garante, seppure entro l’importo massimo della fideiussione a suo tempo convenuto, si pone in contrasto con la previsione del codice civile nella parte in cui dispone che la fideiussione non può eccedere ciò che è dovuto dal debitore, in quanto renderebbe nulli gli effetti del recesso.

Così ha stabilito l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 4526/14.

8 Dicembre 2014 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fideiussione per obbligazioni future e liberazione del garante
Com'è noto, l'articolo 1956 del codice civile dispone il fideiussore per un'obbligazione futura è liberato se il creditore, senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo, pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito. Tuttavia, il socio che abbia prestato fideiussione per ogni obbligazione futura di una società a responsabilità limitata, esonerando l'istituto bancario creditore dall'osservanza dell'onere impostogli dall'articolo 1956 del codice civile, non può invocare, per ottenere la propria liberazione nonostante la sottoscritta clausola di esonero, la violazione dei principi di correttezza e buona fede ...

Condizioni per la liberazione dalla fideiussione prestata a favore del creditore per l'obbligazione futura del terzo debitore principale
Il nostro ordinamento prevede (articolo 1956 codice civile) che il fideiussore (garante) per un'obbligazione futura (omnibus) è liberato quando il creditore garantito (la banca), senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo debitore principale (in favore del quale è stata prestata la fideiussione), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di quest'ultimo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il rimborso del credito concesso. La norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione in presenza di un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie del debitore principale in favore del quale egli prestò ...

Contratto autonomo di garanzia e fideiussione - Differenze
In cosa si distingue un contratto autonomo di garanzia dalla fideiussione? Il carattere distintivo del contratto autonomo di garanzia è costituito dall'assenza dell'elemento dell'accessorietà; nel contratto autonomo di garanzia il garante non ha facoltà di opporre al creditore le eccezioni spettanti al debitore principale, in deroga alla regola essenziale posta per la fideiussione; inoltre, nel contratto autonomo di garanzia è precluso al debitore di chiedere che il garante opponga al creditore garantito le eccezioni nascenti dal rapporto principale. In pratica, nel contratto autonomo di garanzia, il garante si impegna a pagare, in favore del creditore ed a sua semplice richiesta, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recesso dalla fideiussione e estensione garanzia. Clicca qui.

Stai leggendo Recesso dalla fideiussione e estensione garanzia Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 8 Dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria garanzie e fideiussioni

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • peppecannarozzo 12 Febbraio 2015 at 18:08

    Sono mutuatario di un contratto di mutuo fondiario dell’importo di euro 150.000,00, con garanzia ipotecaria di Euro 250.000.00.
    L’ipoteca grava su un immobile e su un fondo rustico.
    Il mutuo è inoltre garantito da una fideiussione fino alla concorrenza dell’importo massimo di Euro 225.000.00.
    Ad oggi, ho già corrisposto circa il 35% del debito.
    A fronte della diminuzione dell’esposizione debitoria, posso richiedere alla banca di “svincolare” il fideiussore? E, in caso di prevedibile diniego, posso invocare la violazione del principio di proporzionalità tra il debito esistente e le garanzie prestate?
    Vi ringrazio anticipatamente

    • Ludmilla Karadzic 12 Febbraio 2015 at 18:21

      Una volta che sia stata prestata garanzia in favore del debitore principale, se nel corso del rapporto e alla luce di eventi sopravvenuti (come, ad esempio, la parziale estinzione anticipata del debito) deve trovare applicazione il principio di proporzionalita’ delle garanzie rispetto all’entita’ del debito residuo.

      Il Testo Unico Bancario gia’ sancisce il diritto dei debitori, ogni volta che abbiano estinto la quinta parte del debito originario, ad una riduzione proporzionale della somma iscritta e ad ottenere la parziale liberazione di uno o piu’ immobili ipotecati quando risulti che i rimanenti beni vincolati “costituiscono una garanzia sufficiente” alla copertura del debito residuo.

      La norma appena indicata ha la funzione di mantenere, nel corso del finanziamento, un rapporto di adeguata proporzionalita’ tra il valore e l’estensione dell’ipoteca, da un lato, e la somma dovuta, dall’altro.

      Il principio in questione e’ stato talora invocato, nella giurisprudenza dell’Arbitro Bancario Finanziario, anche con riferimento a casi rispetto ai quali la condotta della banca e’ stata ritenuta meritevole di censura, per avere essa ecceduto nel pretendere la costituzione di garanzie da parte del cliente e la censura e’ stata, appunto, motivata sulla base dell’esistenza di un principio generale di proporzionalita’ delle garanzie creditorie rispetto all’entita’ del debito a cui si accede.

      Dell’applicabilita’ del principio di proporzionalita’, anche all’importo garantito da fideiussione, si e’ fatto interprete l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 524/14.

      In conclusione, per quanto attiene il caso da lei esposto, l’importo massimo garantito dal fideiussore, su richiesta di quest’ultimo, dovrebbe attestarsi al 150% del capitale residuo (non sarebbe ammesso il recesso del fideiussore, visto che ancora sussiste una esposizione debitoria).