Reato di riciclaggio e confisca dei beni di proprietà del reo

Integra il delitto di riciclaggio il compimento di operazioni volte non solo ad impedire in modo definitivo, ma anche a rendere difficile l’accertamento della provenienza del denaro, dei beni o delle altre utilità, attraverso un qualsiasi espediente che consista nell’aggirare la libera e normale esecuzione dell’attività posta in essere.

Ad esempio, sono configurabili i gravi indizi del reato di riciclaggio in relazione ad una condotta consistente nella ricezione di somme di provenienza illecita su conti correnti personali e nella successiva effettuazione di operazioni bancarie comportanti ripetuti passaggi di denaro di importo corrispondente su conti di diverse società, oggettivamente finalizzate alla “schermatura” dell’origine delle disponibilità.

in tema di confisca conseguente dei beni del reo, alla accertata sproporzione tra guadagni (desumibili dal reddito dichiarato ai fini delle imposte) e patrimonio detenuto scatta una presunzione di illecita accumulazione patrimoniale, che può essere superata dall’interessato sulla base di specifiche allegazioni, dalle quali si possa desumere la legittima provenienza del bene sequestrato in quanto acquistato con proventi proporzionati alla propria capacità reddituale lecita e, quindi, anche attingendo al patrimonio legittimamente accumulato.

La documentazione allegata deve dimostrare la provenienza lecita dei beni e del patrimonio del soggetto reo di riciclaggio: deve dimostrare cioè che la propria attività professionale lecita ha prodotto reddito, o conseguito profitti, compatibili con il patrimonio accumulato.

Questo è quanto hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione, seconda sezione penale, nella sentenza 48288/15.

10 Dicembre 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Come effettuare trasferimenti di denaro in modo anonimo » Tutti gli espedienti per evitare accertamenti fiscali
Effettuare trasferimenti di denaro legalmente ed in modo del tutto anonimo, senza allertare l'agenzia delle entrate, è sempre più difficile, a causa degli accertamenti fiscali: vi spieghiamo alcuni espedienti per poterlo fare. Forse non ce ne stiamo rendendo conto, ma i nostri soldi sono sempre più controllati: con il pretesto di combattere l'evasione fiscale e di abbattere i costi derivanti dall'uso del contante, sono stati introdotti strumenti per tracciare il più possibile ogni movimento sospetto. Se da un lato, chi agisce nella legalità non ha nulla da temere, dall'altro sappiamo bene che non è sempre facile giustificare tutte le nostre ...

Separazione personale » Restituzione beni e denaro? Solo se si dimostra l'esclusiva proprietà
In tema di separazione personale, qualora il coniuge pretenda la restituzione di denaro e beni dal consorte deve dimostrare la non contitolarità degli stessi. Nei confronti dei beni cointestati ai coniugi vige la presunzione di comproprietà ai sensi dell'art. 1298 c.c.. Per cui non potrà chiedere il recupero di tali beni il marito che non dimostri di esserne l'esclusivo proprietario. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 23002/14. Da ciò che si evince dalla pronuncia in esame, opera sempre la presunzione di comproprietà delle somme sul conto corrente o degli immobili salvo prova contraria. A parere degli Ermellini, ...

Canoni di locazione » Chiarimenti del MEF sulle restrizioni per i pagamenti in contanti
Recentemente, il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), in risposta ad una specifica richiesta di chiarimenti da parte dell'Agenzia delle Entrate circa l'applicazione degli obblighi in materia di pagamento dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo, ha precisato che è possibile pagare in contante il canone per una somma inferiore a mille euro, senza l'applicazione di sanzioni. Tuttavia, fermo restando il predetto limite, al fine di conservare traccia delle transazioni in contante tra conduttore e locatore è necessario disporre di una prova documentale, che può essere rappresentata da una "semplice" ricevuta. Non risulta quindi obbligatorio il ricorso a ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su reato di riciclaggio e confisca dei beni di proprietà del reo. Clicca qui.

Stai leggendo Reato di riciclaggio e confisca dei beni di proprietà del reo Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 10 Dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria normativa antiriciclaggio - termini di presentazione data valuta data disponibilità Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)