Rc auto » Come ottenere l’indennizzo senza proporre domanda giudiziale

Rc auto: basta mettere in mora il solo assicuratore per poter citare per danni il responsabile civile del sinistro stradale.

In tema di responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, infatti, la preventiva richiesta risarcitoria ,di cui all’articolo 22 legge numero 990 del 1969, poiché la ratio della disposizione è quella di favorire, nel cosiddetto spatium deliberandi, la possibilità della liquidazione dell’indennizzo senza far luogo alla domanda giudiziale, deve essere formulata nei confronti del solo assicuratore e come tale è idonea ai fini della proponibilità della domanda giudiziale di risarcimento del danno proposta nei confronti del solo responsabile civile, anche se nei confronti di costui nessuna richiesta preventiva sia stata inoltrata.

Questo, espresso brevemente, l’orientamento della Corte di Cassazione con sentenza 2827/14.

Rc auto: Basta mettere in mora il solo assicuratore per poter citare per danni il responsabile civile del sinistro

Rc auto: In caso di incidente stradale è sufficiente mettere in mora l’assicurazione per poter chiedere in giudizio i danni al responsabile civile del sinistro, anche se a quest’ultimo non è stata inoltrata alcuna richiesta preventiva. La stessa, infatti, è stata introdotta per favorire la liquidazione prima che si arrivi davanti al giudice e, dunque, va rivolta soltanto alla compagnia Rc auto.

La citata sentenza della Suprema Corte chiarisce il fatto che la portata la portata della legge sui termini per proporre l’azione di risarcimento, secondo l’interpretazione degli Ermellini, prescrive che la preventiva lettera di messa in mora sia inviata solo all’assicuratore e non anche necessariamente all’assicurato.

Infatti, lo scopo della disposizione è quello di incentivare la liquidazione del risarcimento, da parte della compagnia, senza dover necessariamente ricorrere a una causa in tribunale.

Dunque, chi ha subito un danno da sinistro stradale, e in forza di ciò voglia fare causa al responsabile e alla sua assicurazione, dovrà inviare una diffida solo a quest’ultima e non necessariamente anche al primo.

13 Febbraio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni sia alla compagnia assicurativa privata, che lo copre in caso di infortuni non mortali, che al responsabile del sinistro stradale coperto da tutela rc auto. Il pagamento dell'uno, infatti, esclude quello dell'altro, o, al contrario, in caso di pagamento parziale dell'uno, si può chiedere all'altro solo la differenza residua. Ciò ...

Sinistro e liquidazione riparazione veicolo » Non si può ottenere se il costo è maggiore del valore di mercato
Non si può ottenere l'importo della riparazione se l'opera del carrozziere costerebbe più del valore dell'autovettura prima del sinistro. In caso di richiesta di risarcimento del danno subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, se l'importo necessario ad effettuare la riparazione supera il valore di mercato dell'auto, questo si traduce in un eccessivo onere per il debitore danneggiante e d'altra parte finisce per costituire un indebito arricchimento per il danneggiato. Ne consegue che, in caso di notevole differenza tra il valore commerciale del veicolo incidentato ed il costo richiesto delle riparazioni necessarie, il giudice potrà condannare il danneggiante ...

Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte in base al principio indennitario dall'importo del risarcimento dovuto allo stesso titolo al danneggiato da parte del responsabile. Questo, riassunto brevemente, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 25733/14. Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rc auto » come ottenere l’indennizzo senza proporre domanda giudiziale. Clicca qui.

Stai leggendo Rc auto » Come ottenere l’indennizzo senza proporre domanda giudiziale Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 13 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)