Richiedere il risarcimento

Chi ha subito un danno a seguito di un incidente stradale ha diritto di ottenere il risarcimento. Esistono due diverse procedure: quella ordinaria e quella di risarcimento diretto, applicabili alternativamente in presenza di determinate condizioni.

Fai molta attenzione! Il risarcimento diretto prevede che tu faccia richiesta di risarcimento alla tua compagnia e si applica nei seguenti casi:

  • l'incidente deve aver coinvolto soltanto due veicoli entrambi identificati, assicurati ed immatricolati in Italia;
  • se uno dei due veicoli (o entrambi) è un ciclomotore, quest'ultimo deve essere targato secondo il nuovo regime di targatura obbligatorio dal 13 febbraio 2012;
  • se oltre alle cose trasportate e al veicolo, hai riportato danni fisici, deve trattarsi di lesioni non gravi, cioè di danni alla persona con invalidità permanente non superiore al 9%.

La procedura di risarcimento diretto si applica anche se sul tuo o sull'altro veicolo coinvolto erano presenti, oltre ai conducenti, altre persone (trasportati) che hanno subìto lesioni anche gravi (cioè danni alla persona con invalidità permanente superiore al 9%), mentre non si applica in caso di danni fisici subìti da passanti.

Per ottenere il risarcimento nei termini indicati dal Codice delle Assicurazioni è molto importante che la richiesta sia completa di tutti gli elementi previsti dalla legge. Per predisporre la richiesta puoi rivolgerti alla tua compagnia, che è tenuta a fornirti tutta l'assistenza necessaria anche ai fini della quantificazione dei danni alle cose ed al veicolo.

In tutti gli altri casi si applica, invece, la procedura ordinaria che prevede che tu faccia richiesta di risarcimento, con le stesse modalità sopra descritte, alla compagnia del veicolo che ritieni responsabile, in tutto o in parte, dell'incidente: si tratta delle ipotesi di incidente con veicolo immatricolato all'estero o in cui siano rimasti coinvolti più di due veicoli, ovvero di sinistro da cui siano derivate lesioni a passanti o lesioni al conducente superiori a 9 punti di invalidità ("lesioni gravi").

In caso di sinistro con veicolo non assicurato o non identificato dovrai formulare la tua richiesta all'impresa designata (in base al luogo di accadimento del sinistro) ed al Fondo di garanzia per le vittime della strada presso CONSAP S.p.A.

L'elenco delle imprese designate lo puoi trovare nello stesso sito della CONSAP nell'area "Servizi assicurativi" al link "Fondo di garanzia per le vittime della strada", cliccando su "Imprese Designate".

Il Codice delle Assicurazioni prevede inoltre che se in un sinistro un terzo trasportato subisce lesioni personali, questi dovrà fare richiesta di risarcimento alla compagnia del veicolo sul quale viaggiava, il quale indennizzerà il danno negli stessi tempi sopra richiamati (90 giorni) fino all'importo del massimale minimo di legge a prescindere dall'accertamento della responsabilità dei conducenti.

Se il danno supera il massimale minimo di legge, il terzo trasportato avrà diritto di richiedere la parte eccedente alla compagnia del responsabile, sempre che questi sia assicurato per un massimale superiore a quello minimo di legge.

1. Il vademecum sull'assicurazione rc auto a tutela del consumatore » Un utile prontuario a portata dei contraenti
2. Cos'è la rc auto
3. Cosa sono le garanzie accessorie
4. Quali sono i soggetti coinvolti in un contratto rc auto
5. Diritti e doveri dell'assicurato
6. Da chi ti puoi assicurare
7. Quali sono gli intermediari assicurativi ai quali ti puoi rivolgere
8. I contratti stipulati via telefono o via internet
9. Quali sono i documenti che attestano l'assolvimento dell'obbligo di assicurazione
10. Quali sono le formule tariffarie rc auto
11. Cosa è bene sapere prima di sottoscrivere un contratto rc auto
12. Come si compone il premio rc auto
13. Cosa sono il massimale di garanzia la franchigia, l'esclusione e la rivalsa
14. Cos'è il bonus malus
15. Cos'è il periodo di osservazione
16. Com'è attribuita la responsabilità del sinistro
17. Come evolve la classe di merito
18. Quale è la durata di un contratto rc auto
19. 1.20 È possibile richiedere sconti sulla tariffa?
20. Come scegliere la copertura migliore per le tue esigenze
21. Come si conclude il contratto rc auto
22. Cos'è l'attestato di rischio
23. Quali sono gli obblighi del contraente in relazione all'attestato di rischio
24. Qual è il periodo di validità dell'attestato di rischio
25. Chi ha diritto di utilizzare l'attestato di rischio relativo a veicoli in leasing/noleggio a lungo termine
26. Come si rinnova un contratto rc auto
27. Come deve essere comunicata la variazione del premio
28. Quando si ha diritto alla restituzione del premio rc auto
29. Sospendere e riattivare la polizza rc auto
30. Conservare la propria classe di merito in caso di acquisto di ulteriore veicolo
31. Conservare la propria classe di merito in caso di sostituzione del veicolo.
32. Conservare la propria classe di merito in caso di sinistro
33. Denunciare un sinistro
34. Richiedere il risarcimento
35. I tempi per ottenere il risarcimento
36. Richiedere il risarcimento nel caso di incidenti stradali all'estero o con veicoli esteri
37. Accedere al proprio Fascicolo di sinistro
» Vai alla visualizzazione integrale dell'articolo (pagina singola)
» Vai all'indice delle sezioni dell'articolo
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca