Ravvedimento operoso - entità della riduzione delle sanzioni

Va ricordato, con l'occasione, che le nuove disposizioni sul ravvedimento operoso, in vigore dal gennaio 2015, introducono diverse e più incisive misure di riduzione della sanzione; con l'obiettivo di garantire un maggiore beneficio per il contribuente che si attivi tempestivamente per porre rimedio alla violazione oggetto di regolarizzazione.

Più precisamente, è prevista la riduzione delle sanzioni a:

  • un nono del minimo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il novantesimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall'omissione o dall'errore;
  • ad un settimo del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o dall'errore;
  • ad un sesto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o dall'errore;
  • ad un quinto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni ineriscono norme contenute nelle leggi finanziarie e avviene dopo la constatazione mediante processo verbale.

La riduzione ad un quinto del minimo della sanzione per la regolarizzazione degli errori e delle omissioni di norme contenute nelle leggi finanziarie, trova applicazione anche con riferimento a tributi diversi da quelli amministrati dall'Agenzia delle entrate.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca