Ravvedimento operoso per omesso o insufficiente pagamento dei tributi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Indice dei contenuti dell'articolo


Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - Come funziona il ravvedimento operoso

Il mancato o parziale versamento di tasse e imposte può essere sanato con il ravvedimento operoso. La regolarizzazione si persegue eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta.

I principali tributi che possono essere regolarizzati sono:

  • le imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi;
  • le ritenute alla fonte operate dal sostituto di imposta;
  • l’imposta sul valore aggiunto;
  • l’imposta di registro (nelle locazioni quella dovuta per le annualità successive alla prima);
  • l’imposta ipotecaria;
  • l’imposta catastale.

In particolare la prevista sanzione del 30% viene ridotta:

  • ad 1/8, ossia al 3,75%, se il pagamento viene eseguito entro 30 giorni dalla scadenza prescritta;
  • ad 1/5, ossia al 6%, se il pagamento viene effettuato con ritardo superiore ai 30 giorni, ma entro un anno dalla violazione. Quando è prevista la dichiarazione periodica il termine è quello previsto per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione.

Per regolarizzare l’omesso o insufficiente versamento del tributo dovuto non è necessario presentare una dichiarazione integrativa. Non sono considerati omessi i versamenti eseguiti tempestivamente ad un ufficio o concessionario diverso da quello competente.

Esempi pratici di ravvedimento operoso

Di seguito l'illustrazione di un caso pratico di ravvedimento operoso in cui il contribuente ha omesso il versamento della prima rata di acconto per il 2005 (che andava effettuato il 20 giugno 2005) pari a 700 euro.

caso-prativo-ravvedimento1

Ravvedimento breve per omesso o insufficiente pagamento dei tributi

Facciamo un altro esempio pratico di ravvedimento operoso: supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione).
Ipotizziamo che:

  • la scadenza del pagamento era il 18 aprile 2005;
  • l’importo dovuto era di 500 euro;
  • il versamento effettuato è pari a 300 euro.

Se la regolarizzazione avviene il 18 maggio 2005 (cioè nei 30 giorni successivi alla scadenza del pagamento), il contribuente dovrà versare:

  • a) la differenza di imposta (200 euro);
  • b) una sanzione di 7,50 euro (3,75% di 200 euro);
  • c) interessi per 0,41 euro (200 x 2,5% : 365 x 30).

Compilazione della Sezione interessata del modello F23

compilazione-f231

Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - Ravvedimento lungo

Se la regolarizzazione avviene oltre i 30 giorni ma entro un anno (supponiamo, per esempio, il 18 novembre 2005, con 214 giorni di ritardo dalla scadenza originaria del pagamento), il contribuente dovrà versare:

  • a) la differenza di imposta (200 euro);
  • b) una sanzione di 12 euro (6% di 200 euro);
  • c) interessi per 2,93 euro (200 x 2,5% : 365 x 214).

Compilazione della Sezione interessata del modello F23

compilazione-f23-caso-21

Ai fini della regolarizzazione dei versamenti Iva, poiché i contribuenti trimestrali sono tenuti a maggiorare le somme da versare dell'1%, gli interessi legali e la sanzione ridotta vanno calcolati sulla base dell'importo comprensivo di tale maggiorazione.

Il decreto legge 17 giugno 2005 numero 106 (convertito in legge 31 luglio 2005, numero 156) ha introdotto una previsione di carattere eccezionale relativamente all'Irap dovuta per gli anni 2004 e 2005.

In particolare, è stata esclusa la possibilità di ricorrere al ravvedimento:

  • per violazione dell'obbligo di versamento a saldo dell'Irap relativa al periodo d’imposta 2004 (che andava effettuato entro il 20 giugno 2005);
  • per violazione dell'obbligo di versamento Irap in acconto (entro il 20 giugno 2005 e/o entro il 30novembre 2005), o a saldo (entro il 20 giugno 2006).

Inoltre, per l’omesso o insufficiente versamento del saldo Irap 2004 e dell'acconto e del saldo Irap 2005 non si potrà fruire neanche della riduzione a 1/3 della sanzione, possibilità prevista nel caso di pagamento entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di irregolarità.

Per fare una domanda sulla possibilità di regolarizzare l'omesso o insufficiente pagamento dei tributi,  sul contenzioso tributario, su fisco e tasse in genere, sulle cartelle esattoriali clicca> qui.

20 Luglio 2013 · Giorgio Valli


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ravvedimento operoso brevissimo, breve e lungo per omessa registrazione dei contratti di locazione
Per omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione è prevista l'applicazione di una sanzione il cui ammontare può variare dal 120% al 240% dell'imposta di registro dovuta. Oltre alla sanzione, il contribuente è tenuto ad effettuare il pagamento anche dell'imposta di registro non versata e, naturalmente, degli interessi. Per regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione, il contribuente può ricorrere al ravvedimento operoso, eseguendo spontaneamente il pagamento: dell'imposta dovuta; degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato ...

Omesso pagamento saldo IMU - Ravvedimento operoso
Non ho pagato il saldo imu 2019, desidero sapere la scadenza ultima per effettuare il pagamento avvalendomi del ravvedimento operoso. ...

Ravvedimento operoso esteso anche ai tributi locali
Con l'articolo 10 bis del decreto fiscale 124/2019, convertito dalla legge 157/2019 e collegato alla legge di bilancio 2020 160/2019, dal 25 dicembre 2019 è possibile regolarizzare con il ravvedimento operoso la totalità delle entrate tributarie, comprese quelle di competenza degli enti locali come Imu, Tari e tasse regionali (bollo auto), indipendentemente dal ritardo rispetto ai termini previsti di versamento del tributo (anche anni). In pratica, con il ravvedimento operoso (articolo 13 del decreto legislativo 472/1997) è possibile regolarizzare omessi o insufficienti versamenti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni: anche se sono iniziate altre attività di accertamento ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ravvedimento operoso per omesso o insufficiente pagamento dei tributi. Clicca qui.