Indice del post ravvedimento operoso - come cambia dal 1° gennaio 2015

L’omesso o insufficiente pagamento dei tributi può essere regolarizzato con il ravvedimento operoso, eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta. I principali tributi che possono essere regolarizzati sono: In pratica: le imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi; le ritenute alla fonte operate dal sostituto di imposta; l’imposta sul valore aggiunto; l’imposta di registro (nelle locazioni quella dovuta per le annualità [ ... leggi tutto » ]

A partire dal primo gennaio 2015, la sanzione ridotta applicata con il ravvedimento operoso sarà scaglionata secondo le aliquote illustrate nel seguito. In particolare sarà applicata una sanzione ridotta pari a: 0,2% dell'imposta dovuta per ogni giorno di ritardo fra il 1° ed il 14° successivo alla scadenza prevista (ravvedimento brevissimo); In pratica: 0,2% dell'imposta dovuta per un giorno di ritardo rispetto alla scadenza prevista; 0,4% dell'imposta dovuta per due giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista; 0,6% dell'imposta dovuta per tre giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista; 0,8% dell'imposta dovuta per quattro giorni di ritardo rispetto alla [ ... leggi tutto » ]

Il ravvedimento non e' valido se manca il pagamento anche di uno solo degli importi dovuti (imposta, interessi, sanzioni). Tuttavia, se il contribuente effettua un versamento complessivo di imposta, sanzioni, interessi in misura inferiore al dovuto e le sanzioni e/o gli interessi non siano commisurati all'imposta versata in ritardo, il ravvedimento potrà ritenersi perfezionato con riferimento alla quota parte dell’imposta proporzionata al quantum complessivamente corrisposto a vario titolo. Sulla differenza non sanata l'ufficio applicherà [ ... leggi tutto » ]

Un contribuente omette il versamento della prima rata di acconto Irpef, che supponiamo debba essere effettuato entro il 20 giugno, per un importo pari a 700 euro. Immaginiamo che il contribuente decida di regolarizzare la posizione effettuando in data 30 dicembre (con un ritardo, quindi, di 193 giorni) il versamento dell'imposta dovuta. Per le regole sul ravvedimento operoso, in vigore a partire dal 1° gennaio 2015, egli dovrà versare, una sanzione di 26,25 euro (3,75% di 700). Se il tasso legale annuo vigente è pari [ ... leggi tutto » ]

Facciamo un altro esempio pratico di ravvedimento operoso: supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione). Ipotizziamo che: la scadenza del pagamento era il 18 aprile; l’importo dovuto era di 500 euro; il versamento effettuato è pari a 300 euro; Se la regolarizzazione avviene il 18 maggio, cioè con 30 giorni di ritardo rispetto alla scadenza del pagamento, ed il tasso legale annuo vigente in questi 30 giorni [ ... leggi tutto » ]

Vediamo un altro pratico esempio di applicazione del ravvedimento operoso. Supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione). Ipotizziamo che: la scadenza del pagamento era il 18 aprile; l’importo dovuto era di 500 euro; il versamento effettuato è pari a 300 euro. Se la regolarizzazione avviene oltre i 30 giorni, per esempio il 18 novembre 2005, con 214 giorni di ritardo dalla scadenza originaria del pagamento, ed il [ ... leggi tutto » ]

A partire da gennaio 2015 è previsto anche il ravvedimento operoso brevissimo. Supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione). Ipotizziamo che: la scadenza del pagamento era il 18 aprile; l’importo dovuto era di 500 euro; il versamento effettuato è pari a 300 euro. Se la regolarizzazione avviene il 21 aprile dello stesso anno, cioè con 3 soli giorni di ritardo dalla scadenza originaria del pagamento, ed il [ ... leggi tutto » ]

La sanzione applicabile sarà pari a 1/5 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene dopo la constatazione della violazione (ai sensi dell'articolo 24 della legge 7 gennaio 1929, n. 4), salvo nei casi di mancata emissione di ricevute fiscali, scontrini fiscali o documenti di trasporto o di omessa installazione degli apparecchi per l'emissione dello scontrino fiscale) La sanzione applicabile sarà paro a 1/10 del minimo di quella prevista per l'omissione della presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, [ ... leggi tutto » ]

I versamenti per avvalersi del ravvedimento operoso devono essere effettuati con i modelli F23 e F24. In particolare va utilizzato: il modello F24, per le imposte sui redditi, le relative imposte sostitutive, l’Iva, l’Irap e l’imposta sugli intrattenimenti; il modello F23, per l’imposta di registro e gli altri tributi indiretti. Gli interessi devono essere indicati nel modello F24 utilizzando gli appositi codici tributo. Quelli sulle ritenute vanno invece versati dai sostituti d’imposta sommandoli al tributo. Anche per le sanzioni sono stati previsti appositi codici da riportare sul modello di [ ... leggi tutto » ]

11 gennaio 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ravvedimento operoso brevissimo, breve e lungo per omessa registrazione dei contratti di locazione
Per omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione è prevista l'applicazione di una sanzione il cui ammontare può variare dal 120% al 240% dell'imposta di registro dovuta. Oltre alla sanzione, il contribuente è tenuto ad effettuare il pagamento anche dell'imposta di registro non versata ...
Il nuovo ravvedimento operoso
Con il ravvedimento operoso (articolo 13 del Dlgs 472/1997) è possibile regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni. L'istituto del ravvedimento operoso, è stato profondamente modificato dalla legge di Stabilità per il 2015 che ha previsto una riduzione della sanzione a ...
Nuovo ravvedimento operoso - Le precisazioni dell'Agenzia delle Entrate
La legge di stabilità per il 2015 ha profondamente innovato la disciplina del ravvedimento operoso, determinando un radicale cambiamento dell'assetto originario dell'istituto. Infatti, oggi, il ravvedimento operoso può essere utilizzato per regolarizzare le violazioni commesse in materia di tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, fino alla scadenza dei termini di accertamento. ...
Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo
Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 32 euro, pari ad 1/8 di 258 euro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei ...
Imposte sui redditi e decadenza dell'avviso di accertamento - Nuove regole a partire dall'anno di imposta 2016
Per i periodi d'imposta a partire dal primo gennaio 2016, gli avvisi di accertamento potranno essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post ravvedimento operoso - come cambia dal 1° gennaio 2015. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Ravvedimento operoso - Come cambia dal 1° gennaio 2015 Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria ravvedimento operoso Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca