La sospensione della riscossione dopo la rateizzazione di una cartella esattoriale




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


L’ottenimento della dilazione per una cartella esattoriale sospende tutte le eventuali attività di riscossione coattiva fino a quel momento attivate (fermo auto, ipoteca, pignoramento, etc).

La semplice presentazione della domanda di rateazione di una cartella esattoriale non ha invece questo effetto, anche se può avvenire in qualsiasi momento, anche dopo che le procedure sono partite.

Essa però impedisce per legge che si attivi l’ipoteca, se non dal momento in cui scatta il non accoglimento della richiesta.

Considerando quanto sopra è facile capire quanto sia importante essere tempestivi nel presentare la domanda, considerando anche i tempi massimi di istruttoria.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


18 Luglio 2017 · Andrea Ricciardi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la sospensione della riscossione dopo la rateizzazione di una cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo La sospensione della riscossione dopo la rateizzazione di una cartella esattoriale Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 18 Luglio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 28 Marzo 2021 Classificato nella categoria dilazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 19 Dicembre 2018 at 17:47

    Ho avuto una rateizzazione ad ottobre 2016 decaduta nel 2018: pagando le rate in sospeso posso riprendere la rateizzazione in corso?

    • Ludmilla Karadzic 19 Dicembre 2018 at 20:43

      A norma dell’articolo 19 comma 3 del dpr 602/1973, il debitore decade automaticamente dal beneficio della rateazione in caso di mancato pagamento, nel corso del periodo di rateazione, di cinque rate, anche non consecutive.

      Il carico può essere nuovamente rateizzato, cioè il debitore può essere riammesso alla rateizzazione se, e solo se, all’atto della presentazione della nuova richiesta, le rate scadute del vecchio piano sono state integralmente saldate.