Rateizzazione avvisi bonari dell'Agenzia delle entrate

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un software per calcolare il pagamento “a rate” di avvisi bonari relativi ad omessi versamenti di imposte, ricevuti a seguito del controllo formale delle dichiarazioni ─ ex articolo 36 bis ─ o controllo documentale ex articolo 36/ter del DPR 600/1973.

Con la regolarizzazione degli avvisi bonari, le imposte (impagate alla scadenza) sono gravate della sanzione del 10%, ma il pagamento potrà essere effettuato con “rate trimestrali”, che variano da 6 rate trimestrali (1 anno e mezzo, per avvisi bonari fino a 2.500 euro) fino ad un massimo di 20 rate trimestrali (5 anni per importi superiori a 5.000 euro), chiaramente aumentati degli interessi legali del 2,5% su base annua.

Quindi, chi non ha effettuato alla scadenza i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, e non ha neanche utilizzato ─ successivamente ─ il ravvedimento operoso (con la sanzione del 3% se il pagamento è effettuato entro 30 giorni dalla scadenza, o con la sanzione del 3,75% se si paga oltre i 30 giorni dalla scadenza, ma entro il 30 settembre dell'anno successivo a quello dell'omesso versamento) potrà attendere l'arrivo dell'avviso di bonario, che ripetiamo permette il pagamento con rate trimestrali.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca