Rateazione cartelle esattoriali - la decadenza del beneficio


Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Sappiamo che, ove il debitore si trovi, per ragioni estranee alla propria responsabilità, in una comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, la rateazione degli importi esposti cartella esattoriale può essere aumentata fino a centoventi rate mensili. E’ altresì noto che il numero delle rate, il cui mancato pagamento determina la decadenza del beneficio di rateazione, è pari ad otto.

Anche i piani di rateazione già accordati alla data di entrata in vigore del Decreto del Fare, cioè a partire dal 22 giugno 2013, possono, su richiesta del debitore e in presenza di una comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, essere aumentati fino a 120 rate. Anche per tali piani di rateazione, qualora non già decaduti alla data del 22 giugno 2013, passa da due ad otto il numero delle rate il cui mancato pagamento determina la decadenza del beneficio di rateazione.

Questo, in sintesi, il contenuto della risoluzione numero 32/E diffusa dall’Agenzia delle Entrate il 19 marzo 2014.

23 Marzo 2014 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rateazione cartelle esattoriali - la decadenza del beneficio. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)