Rata del mutuo pagata in ritardo - nessuna mora sui corrispettivi

Rata del mutuo pagata in ritardo - non sono dovuti interessi di mora sugli interessi corrispettivi

Nei mutui ad ammortamento, compresi quelli fondiari, la formazione delle rate di rimborso, nella misura composita predeterminata di capitale ed interessi, attiene alle mere modalità di adempimento di due obbligazioni poste a carico del mutuatario, aventi ad oggetto l'una la restituzione della somma ricevuta in prestito e l'altra la corresponsione degli interessi per il suo godimento.

Si tratta di due obbligazioni distinte che rispondono a finalità diverse. Il fatto che nella rata esse concorrano, allo scopo di consentire all'obbligato di adempiervi in via differita nel tempo, non è dunque sufficiente a mutarne la natura né ad eliminarne l'autonomia.

La giurisprudenza di legittimita', alla domanda se fossero o meno dovuti gli interessi moratori anche sulla quota parte degli interessi corrispettivi delle rate scadute di un mutuo bancario ordinario, ha sempre risposto in senso negativo, previo accertamento dell'inesistenza, in materia, di usi normativi che derogassero al divieto di anatocismo.

Pertanto, è ormai consolidato il principio che ai contratti di mutuo bancario ordinario sono applicabili le limitazioni previste dall'articolo 1283 del codice civile, con la conseguenza che la banca mutuataria non può pretendere il pagamento degli interessi moratori sul credito scaduto per interessi corrispettivi.

Divieto di anatocismo sugli interessi corrispettivi delle rate di mutuo bancario e fondiario pagate in ritardo

Com'è noto, l'articolo 1283 del codice civile disciplina l'anatocismo bancario, disponendo che, in mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi.

Lo stesso articolo prevede 3 eccezioni al divieto di capitalizzazione degli interessi e più precisamente:

  1. dal giorno della domanda giudiziale - E’ il caso per esempio di un importo portato a decreto ingiuntivo. Il Giudice, accettato il ricorso per decreto ingiuntivo autorizza che tale somma, qualora sia comprensiva di una parte di capitale e di una parte di interessi non pagati ma maturati sullo stesso, venga ora riconosciuta come unico debito indistinto e che su di esso sia lecito che maturino ulteriori interessi.
  2. per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza - E’ il caso in cui un debito sia arrivato a scadenza con i relativi interessi e che le parti, si accordino per un ulteriore dilazione di tempo per il pagamento. La somma fino ad allora maturata comprensiva dei relativi interessi scaduti si intende come nuovo capitale prestato e sul totale di tale importo possono maturare nuovi interessi.
  3. in mancanza di usi contrari - Questa frase in realtà è stata interpretata diversamente dalle banche definendo che eventuali usi possono derogare a questa norma imperativa rendendo possibile la capitalizzazione sugli interessi. Infatti gli istituti di credito, a partire dal 1952, su iniziativa dell'ABI, hanno previsto nei contratti bancari la capitalizzazione degli interessi a favore della banca ogni tre mesi (marzo, a giugno, a settembre e a dicembre) e quelli a favore del cliente solo annualmente.

D'altra parte, con l'evoluzione della normativa, la struttura del credito fondiario ha perso quelle peculiarità nelle quali risiedevano le ragioni della sua sottrazione al divieto di anatocismo.

Inoltre, la previsione di interessi moratori, ad un tasso superiore a quello previsto per gli interessi convenzionali, integra una pattuizione qualificabile come clausola penale, e quindi l'ammontare dell'importo dovuto a tale titolo può essere ridotto ad equità dal giudice, anche d'ufficio, ove esso sia manifestamente eccessivo, sia in caso di iniquità originaria, sia in caso di eccessività sopravvenuta e, in tale ultimo caso, anche a prescindere dalla straordinarietà e dalla imprevedibilità degli eventi che la hanno causata.

Così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 11400 del 22 maggio 2014

24 maggio 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Usura » interessi moratori interessi corrispettivi e tasso soglia
Ai fini della verifica del superamento della soglia di usura gli interessi di mora vanno sommati a quelli corrispettivi? Facciamo chiarezza con questo piccolo ed utile vademecum. Sulla famosa sentenza della Corte di Cassazione numero 350/2013, inerente al tema dell'usura e degli interessi di mora ci sono state numerose interpretazioni. ...
Mutui » interessi moratori e corrispettivi non vanno sommati per confrontarli con soglia di usura
Alcuni recenti provvedimenti dei Tribunali, sia di merito che di Cassazione, hanno disatteso le aspettative di migliaia di clienti che volevano rivalersi nei confronti delle banche, accusate di aver applicato tassi a usura sui mutui ipotecari. Alcune pronunce giurisprudenziali hanno confermano, purtroppo, che i tassi moratori, promessi in contratto, non ...
Il tasso di mora per ritardato pagamento della rata di mutuo
Il tasso di mora per ritardato pagamento della rata di mutuo è l'interesse diretto a risarcire il creditore per danno dipendente dal ritardo nel pagamento della rata di mutuo. Anche se chi chiede un mutuo non pensa di venire a trovarsi nella condizioni di non poter pagare puntualmente le rate, ...
Mutuo con interessi usurari » Effettuare la richiesta di rimborso
Mutuo: in caso di applicazione di tassi usurai, non solo è possibile recuperare gli interessi pagati, ma anche annullare il contratto. Infatti, quando il tasso di mora, le penali e le varie spese, tutte messe insieme superano il tasso soglia, stabilito dalla legge antiusura 108/96, anche i mutui diventano usurai ...
Mutuo ad interessi usurari » Occhio alla clausola di salvaguardia
La clausola di salvaguardia inserita in un contratto di mutuo inibisce lo sforamento del tasso soglia. Dall'analisi della maggior parte dei contratti di mutuo, almeno i più recenti, è possibile riscontrare l'inserimento della clausola di salvaguardia contro l'usura. Questa clausola, inserita nella maggior parte dei contratti di mutuo, e relativa ...

Spunti di discussione dal forum

Transazione a saldo ed a stralcio illegittima
Sono un lavoratore dipendente e in tale qualità ho ottenuto dalla banca un finanziamento denominato prestito personale. Purtroppo dopo aver pagato almeno 50 delle 60 rate stabilite, sono entrato in difficoltà economica ed ho chiesto all'istituto bancario erogatore del finanziamento una rinegoziazione del piano di riparto. La Banca ha redatto…
Cartella Invitalia rimborso fondo perduto
Ho ricevuto una cartella di Invitalia con una richiesta di riscossione per un totale di 22 mila e 597,34 euro. Nel 2004 ho ottenuto un finanziamento da Sviluppo Italia che stanziava fondi, in parte a fondo perduto, per aprire piccole attività. Dopo aver ricevuto i finanziamenti e aperto l'attività, li…
Detrazione fiscale interessi mutuo
Mia madre ha un reddito da pensione inferiore a 8 e 200 euro annui: quindi le detrazioni fiscali superano le ritenute irpef. Qualora sottoscrivesse un mutuo cointestato con mio padre (che ha un reddito superiore a questa cifra) per l'acquisto di prima casa, può mia madre detrarre gli interessi? O…
Detrazioni degli interessi passivi mutuo casa per appartenente forze di polizia
Sono un appartenente alla Forze di Polizia e ho acquistato una casa cointestata con mia moglie, intesa come abitazione principale: attualmente occupo un alloggio di servizio in caserma, unitamente al mio nucleo famigliare, in un comune diverso da quello dove ho acquistato casa. Il comma 2, articolo 66, della legge…
Detrazioni interessi su mutuo
Ho acquistato casa e adibita ad abitazione principale: la proprietà dell'immobile è al 100% mia mentre il mutuo è cointestato al 50% con mio marito che però è fiscalmente a carico mio. Posso detrarre io la sua quota di interessi? O posso farlo solo al 50% e l'altra parte va…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rata del mutuo pagata in ritardo - nessuna mora sui corrispettivi. Clicca qui.

Stai leggendo Rata del mutuo pagata in ritardo - nessuna mora sui corrispettivi Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 24 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 novembre 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info