Stop alla radiazione per esportazione di veicoli ipotecati o pignorati

In questi ultimi anni le radiazioni di autoveicoli per definitiva esportazione hanno avuto un notevole aumento.

La radiazione per esportazione, infatti, si presta ad un utilizzo fraudolento per coloro che, proprietari di veicoli sottoposti a vincoli, quali ipoteche, sequestro, pignoramento ecc. tentano in qualche modo di sottrarre il bene alle rivendicazioni dei creditori o dell’Autorità Giudiziaria.

Con la radiazione per esportazione il veicolo viene venduto ad acquirente straniero e poi radiato dal PRA. Il creditore che ha iscritto ipoteca o pignorato il bene resta con le classiche “pive nel sacco”, mentre il debitore incassa e ringrazia.

La scappatoia è offerta dall’articolo 103 del Codice della strada, secondo il quale, per ottenere la radiazione, il proprietario deve comunicare al competente ufficio del P.R.A., entro sessanta giorni, la definitiva esportazione all’estero del veicolo stesso, restituendo il certificato di proprietà, e la carta di circolazione.

Come si evince, dunque, la norma appena richiamata disciplina unicamente l’ipotesi di cancellazione successiva all’esportazione, mentre non vi sono disposizioni che prevedano la possibilità di impedire una esportazione non ancora avvenuta.

Per contrastare il fenomeno, già due anni fa il MEF emanò una direttiva finalizzata a non consentire più la radiazione per esportazione di veicoli per i quali risultava iscritto un fermo amministrativo al Pubblico registro automobilistico.

Lo spirito della norma era quello di favorire il recupero dei crediti vantati dalla pubblica amministrazione nei confronti di cittadini inadempienti, proprietari di veicoli colpiti da ganasce fiscali, impedendo che venisse effettuata l’esportazione e la vendita all’estero.

Adesso, il Ministero della Giustizia ha ritenuto che analoga necessità di tutela per il creditore debba essere adottata anche in presenza di altri vincoli iscritti sul veicolo come le ipoteche, i sequestri o i pignoramenti, in relazione ai quali certamente il ricorso a una “finta” radiazione per esportazione è un facile strumento per sottrarre il veicolo alle pretese del creditore.

Quindi, a partire dal 14 luglio p.v., in presenza di richieste di radiazione per definitiva esportazione aventi ad oggetto veicoli sui quali siano iscritte ipoteche non ancora scadute, pignoramenti, sequestri, ecc., la formalità potrà essere accettata solo se alla richiesta viene allegato un atto comprovante l’assenso alla radiazione da parte del creditore.

8 Luglio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tassa automobilistica ed esportazione del veicolo all'estero per reimmatricolazione - Nuovi obblighi
Al fine di contrastare l'elusione della tassa automobilistica alla quale sono tenuti i proprietari dei veicoli circolanti sul territorio nazionale, la legge di stabilità 2016 ha apportato modifiche agli obblighi, precedentemente previsti, conseguenti alla cessazione della circolazione dei veicoli a motore. Da gennaio 2016, la parte interessata, intestataria di un autoveicolo, motoveicolo o rimorchio, o l'avente titolo deve comunicare al competente ufficio del PRA., entro sessanta giorni, la definitiva esportazione all'estero del veicolo stesso per reimmatricolazione, comprovata dall'esibizione della copia della documentazione doganale di esportazione, ovvero, nel caso di cessione intracomunitaria, dalla documentazione comprovante la radiazione dal PRA, restituendo il ...

Vendere a cittadino con residenza all'estero un veicolo su cui grava provvedimento di fermo amministrativo
La norma che regolamenta l'istituto del fermo amministrativo impedisce la circolazione, la radiazione per demolizione e per esportazione definitiva, ma non la vendita. Naturalmente il fermo permane con la vendita e l'acquirente ha gli stessi limiti: non può circolare e non può effettuare la radiazione al PRA. Purtroppo il nostro legislatore ha pensato bene di confondere il fermo amministrativo per debiti esattoriali con quello accessorio di altre sanzioni del CdS, che è un vero e proprio sequestro, seppure normalmente in custodia al proprietario. Di qui buona parte della confusione ingenerata in tutti ed anche nel PRA, che ha previsto un ...

Sanzioni per la circolazione con veicoli sottoposti a fermo o pignorati o non assicurati/non revisionati » Il quadro normativo completo
Nell'articolo che segue forniamo il quadro normativo vigente relativo alle sanzioni per la circolazione con veicoli sottoposti a fermo amministrativo non assicurati o non revisionati. Nei mesi scorsi vi sono stati chiarimenti ministeriali che hanno riguardato l'ambito della guida illecita di veicoli su cui gravano vincoli, in particolare il pignoramento, e della guida senza l'obbligatoria copertura assicurativa rc. Con la redazione di questo intervento, dunque, cogliamo l'occasione per riassumere brevemente le conseguenze in caso di circolazione con un veicolo sottoposto a vincolo (come un fermo amministrativo) oppure non assicurato o non revisionato. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su stop alla radiazione per esportazione di veicoli ipotecati o pignorati. Clicca qui.

Stai leggendo Stop alla radiazione per esportazione di veicoli ipotecati o pignorati Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 8 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 29 Maggio 2017 Classificato nella categoria preavviso di fermo amministrativo e fermo amministrativo

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)