Quello che più mi manca nella mia vita da debitore …

Caro Paolo, sai cosa mi manca di più nella mia vita? La serenità! La serenità di un giorno senza pensieri a rate di banche e a cartelle esattoriali, alcune volte ho persino paura del postino o del campanello che suona. Sai cosa ho imparato però? Che i codici e i regolamenti vanno studiati a fondo (anche senza tributaristi) perchè non sempre quello che abbiamo davanti è, come ce lo propinano banche e concessionario della riscossione. La banca ti revoca il fido o ti chiede di rientrare? (succede spesso quando fiuta l’insolvenza) nella maggior parte dei casi è una rischiesta ingiusta a cui non si deve stare (fai un po’ di ricerche sul web e vedi quante sentenze a favore del correntista ci sono). Sono anni che sei in causa per delle fatture? Valuta una cessione del credito ad una società di recupero crediti. Ora, prima di “prendere” altri soldi in banca devi ragionare su quale è il piano da seguire… Quei soldi devono servire a risolvere la situazione non ha tamponarla altrimenti tra un anno sarai nella stessa situazione di oggi più il nuovo prestito. La ditta ora copre le spese correnti? Se SI, devi gestire la situazione per sistemare il passato, se NO, devi gestire la situazione per poterne uscire nel migliore dei modi. Se il lavoro “gira” valuta la costituzione di una nuova società (una srl magari) e “parcheggia” la ditta per poter sistemare i debiti e gli scoperti con più tranquillità. Ma ripeto, mai e poi mai, lasciarsi prendere la mano dalla disperazione, se le cose non vanno non bisogna pensare nel “prestito tampone”. Vedi caro Paolo, in tempi come questi, la conduzione delle nostre ditte o società, deve permetterci di aprire il paracadute nei casi in cui l’aereo sta per schiantarsi, se “offriamo” il nostro paracadute a garanzia, faremo la fine dell’aereo! Spesso facciamo tutti lo stesso errore, lavoriamo per le nostre aziende e cerchiamo di salvarle a tutti i costi anche quando ci rendiamo conto (e non vogliamo ammetterlo) che stiamo operando un paliativo non un salvataggio. La nostra vita e la nostra serenità dobbiamo apporle davanti a tutto, le nostre case, quelle che abbiamo “costruito” con tanto sacrificio non possiamo offrirlo a garanzia di qualcosa. Se sei, come lo sono io in questa situazione, lavora per la tua serenità. Quando ti presenti in banca o dal concessionario della riscossione devi sapere cosa stai chiedendo e devi conoscere anche quello che potrebbero risponderti, solo così sarai in grado di rispondere nuovamente e aggirare gli ostacoli, non devi chiedere, ma prospettare soluzioni. Io passo 5 ore al giorno (la sera spesso) a leggere norme e contronoerme, sentenze, forum, occorre sapere di cosa stiamo parlando solo così ne usciremo. Un abbraccio, Andrea.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tenore di vita goduto durante il matrimonio - Criteri differenti nella quantificazione dell'assegno di separazione e di quello divorzile
In tema di separazione, l'obbligo di assistenza materiale trova di regola attuazione nel riconoscimento di un assegno di mantenimento in favore del coniuge che versa in una posizione economica deteriore e non é in grado, con i propri redditi, di mantenere un tenore di vita analogo a quello offerto dalle potenzialità economiche dei coniugi. Sotto tale profilo con l'espressione redditi adeguati la norma ha inteso riferirsi al tenore di vita consentito dalle possibilità economiche dei coniugi; tale dato, non ricorrendo la condizione ostativa dell'addebito della separazione, richiede un'ulteriore verifica per appurare se i mezzi economici di cui dispone il coniuge ...

Notifica cartella esattoriale - nullità insanabile se manca la data di consegna nella copia per il destinatario
La vicenda trae origine da un ricorso proposto da una società contro una cartella esattoriale, relativa a contributi previdenziali. Nella copia consegnata al destinatario, infatti, mancava l'indicazione della data di effettuazione della notifica. La società, già nel ricorso proposto in primo grado, aveva rilevato la violazione degli articoli 148 e 160 del Codice di procedura civile. In particolare l'articolo 148 del codice di procedura civile dispone, al primo comma, che l'ufficiale giudiziario certifica l'eseguita notifica mediante relazione da lui datata e sottoscritta, apposta in calce all'originale e alla copia dell'atto.  L'articolo 160 Codice di procedura civile prevede, invece, che la ...

Mobili presenti nella abitazione dei figli ove risiede il debitore - Come fare per dimostrare che non sono di proprietà del debitore?
Il coniuge separato che risiede in comodato nella abitazione intestata ai figli ed arredata, cosa deve fare per provare che i beni mobili ivi contenuti non sono di sua proprietà, bensì, dei figli? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quello che più mi manca nella mia vita da debitore …. Clicca qui.

Stai leggendo Quello che più mi manca nella mia vita da debitore … Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)