Quando si litiga fra eredi

Come noto, è ben possibile che – in forza del testamento, oppure, in assenza di un valido testamento, per legge – le persone chiamate ad una eredità siano più di una. Ed è parimenti noto che, se almeno due di esse accettano l’eredità – espressamente o anche solo implicitamente (è il caso del chiamato all’eredità che si trova in possesso di beni ereditari e che si comporta come se fossero suoi) – ciascuna acquista la qualità di erede determinando rispetto ai beni ereditari una situazione di comunione ereditaria.

Ebbene, tale situazione nella prassi è fonte di un contenzioso forte e cospicuo: è, infatti, tutt’altro che infrequente che fra coeredi sorgano liti in merito a chi sia effettivamente erede, a quali siano le quote di eredità spettanti a ciascuno, e, soprattutto, a come dividere l’eredità. Ciò premesso, il legislatore è recentemente intervenuto (decreto legge 21 giugno 2013 n. 69 convertito in legge 9 agosto 2013 n. 98) al fine di introdurre meccanismi nuovi volti a facilitare la soluzione di tale tipo di controversie al di fuori delle aule dei Tribunali.

Il primo di tali rimedi è quello della mediazione preventiva che è stata prevista come obbligatoria, appunto, anche in tema di divisioni. Attualmente, dunque, se sorge fra eredi una controversia in merito alla divisione dell’eredità, questi non possono iniziare una causa in Tribunale prima di aver quanto meno tentato una mediazione presso uno degli organismi accreditati a tali fini presso il Ministero di Giustizia.

In sostanza, quindi, i coeredi sono obbligati a tentare di trovare un accordo avvalendosi dell’aiuto di un mediatore professionista, ovvero di un soggetto terzo cui è assegnato il compito esclusivo di facilitare il dialogo fra le parti, senza poter in alcun modo imporre loro alcunché. Ma soprattutto, il legislatore ha introdotto il rimedio della “divisione a domanda congiunta” (art. 791-bis c.p.c.).

I coeredi che siano tutti d’accordo nel non sollevare questioni pregiudiziali di diritto (in merito a chi possa ritenersi erede, a quali siano le quote ereditarie spettanti a ciascuno, etc.) e che concordemente vogliono addivenire alla divisione dell’eredità con minor dispendio di soldi e di tempo, possono chiedere congiuntamente al Tribunale competente di nominare un professionista (un notaio o un avvocato) cui delegare tutte le operazioni relative alla divisione, e, in particolare, la predisposizione di un progetto di divisione, o la disposizione della vendita dei beni non comodamente divisibili.

Entrambi i rimedi di cui sopra saranno evidentemente efficaci solo nel caso di accordo fra tutti i coeredi. Pertanto, ove anche solo uno dei coeredi si sottragga, a torto o a ragione, dall’accordo, non rimarrà altra via se non quella giudiziale purtroppo notoriamente più lunga, costosa ed aleatoria.

di Giacomo Guerrini

19 Febbraio 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Eredità ed immobili non comodamente divisibili
In tema di divisione ereditaria ciascun coerede ha diritto ad una quota in natura dei beni mobili e immobili dell'eredità. Tuttavia, qualora nell'eredità siano inclusi immobili non comodamente divisibili e la divisione non possa effettuarsi senza il loro frazionamento, questi beni devono preferibilmente essere attribuiti dal giudice (la cui valutazione discrezionale deve essere adeguatamente motivata) per intero ad uno dei coeredi, con addebito dell'eccedenza agli altri. L'alternativa è la vendita all'asta dell'immobile non comodamente divisibile. Ma, l'attribuzione per intero del bene immobile ad uno dei coeredi con addebito dell'eccedenza agli altri coeredi è riferibile esclusivamente alla ipotesi in cui singole ...

Immobile cointestato in successione e problemi tra gli eredi » Come effettuare lo scioglimento di una comunione ereditaria
Nella fattispecie di un immobile, o di un altro bene, cointestato, dopo la successione, tra due eredi, i quali non riescano ad accordarsi sulla spartizione, in quale caso ed in che modo è possibile sciogliere una comunione ereditaria? Quando più soggetti sono chiamati a succedere in un'eredità e non trovano un accordo per la ripartizione dei beni, né il defunto ha stabilito quali beni devono essere destinati ad ognuno di loro, il Giudice, su domanda di uno qualsiasi dei coeredi, può provvedere alla ripartizione del patrimonio ereditario e quindi allo scioglimento della comunione. Questo, però, esclusivamente in alcuni casi e ...

Eredità di Immobili indivisibili o non comodamente divisibili
Nell'ipotesi di non comoda divisibilità di beni immobili compresi nell'eredita (la cui divisione, cioè, comporterebbe costi eccessivi non sostenibili dagli eredi oppure un deprezzamento del valore complessivo dell'immobile diviso rispetto al valore dell'immobile indiviso), è consentito che venga assegnato (in comunione ordinaria) ad alcuni coeredi, che ne facciano unitamente domanda, un cespite comodamente separabile dagli altri e rientrante nella loro quota congiunta, ancorché gli altri coeredi si oppongano, in quanto l'attribuzione a più coeredi di un unico cespite indiviso è possibile solo se vi sia la richiesta congiunta. In tema di divisione ereditaria, cioè, il giudice, ai sensi dell'articolo 720 ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando si litiga fra eredi. Clicca qui.

Stai leggendo Quando si litiga fra eredi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 19 Febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali collazione riduzione donazioni e disposizioni testamentarie lesive quota legittima Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)