Quando lo Stato strangola le imprese

Quando leggo commenti come il suo, Paolo, mi prende lo sconforto.

Perchè non è possibile che aziende come la sua, formate da lavoratori che cercano di organizzarsi rimboccandosi le mani, vengano strangolate, non dall'alea di impresa, da conduzioni dissennate o altro, ma dallo stato.

Sulla possibilità di accordarsi con Equitalia lei ha già dato una risposta. L'unica concessione che è possibile ottenere è una dilazione del debito in 72 rate.

Io mi posso limitare a a suggerirle di chiedere la sospensione annuale dei mutui già accesi così come previsto dall'accordo ABI PMI.

A chiedere un finanziamento alla Cassa depositi e prestiti,oppure avvalendosi del fondo di garanzia messo a disposizione del Ministero per lo sviluppo economico per le piccole e medie imprese.

Le informazioni sono disponibili ai punti 1, 2 e 6 di questa guida.

Lo so che è poco e che probabilmente si tratta di opzioni da lei già valutate, ma altro non è nelle mie possibilità. Comunque, le auguro sinceramente di superare questo brutto momento.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando lo stato strangola le imprese. Clicca qui.

Stai leggendo Quando lo Stato strangola le imprese Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca