Quando il gioco diventa una malattia


Ricerche archeologiche ed antropologiche hanno testimoniato la presenza costante del gioco d’azzardo in ogni epoca, stato sociale e cultura.
Negli ultimi anni, in tutto il mondo, il gioco d’azzardo è diventato un fenomeno in forte espansione, anche per l’ausilio di nuove modalità telematiche (Internet) che ne hanno consentito l’accesso ad un pubblico sempre più ampio.

La maggiore facilità a partecipare alle lotterie e, in generale, a scommettere hanno incrementato la percentuale di soggetti che sono precipitati nel vortice del Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). I sistemi di classificazione diagnostica internazionale lo definiscono un comportamento persistente, ricorrente e maladattativo di gioco che compromette le attività personali, familiari o lavorative.

In sintesi il gioco d’azzardo diventa una malattia quando assume un ruolo di eccessiva rilevanza nella vita quotidiana causando difficoltà economiche, personali e familiari, per reperire il denaro necessario al gioco.

La presenza di alcuni dei seguenti comportamenti-segnale potrebbe significare come il gioco d’azzardo sia diventato o stia diventando un problema:

Se sono presenti alcuni di questi segnali, ecco qualche consiglio:

da carabinieri.it

16 Agosto 2008 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Quando il gioco diventa una malattia Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 16 Agosto 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • karalis 20 Settembre 2008 at 21:18

    Ciao vorrei sapere se in una coppia ,in comunione dei beni , il marito preso da questo vizio allo scuro della moglie si indebita per molte migliaia di euro,
    in caso di separazione il debito e’ di entrambi ? saluti

    I debiti contratti in comunione dei beni appartengono a entrambi.

  • ales992 20 Settembre 2008 at 18:47

    Ciao vorrei sapere se in una coppia ,in comunione dei beni , il marito preso da questo vizio allo scuro della moglie si indebita per molte migliaia di euro,
    in caso di separazione il debito e’ di entrambi ? saluti

  • karalis 1 Settembre 2008 at 16:09

    Vorrei sapere seesiste un Fondo per le Vittime del Gioco d’Azzardo e come usufruirne in totale anonimato. Grazie, Vorrei una risposta anche via email ….. saluti. Franco

    Commento di Franco P. | Lunedì, 1 Settembre 2008

    Non esiste nulla al riguardo.

  • Franco P. 1 Settembre 2008 at 14:57

    Vorrei sapere seesiste un Fondo per le Vittime del Gioco d’Azzardo e come usufruirne in totale anonimato. Grazie, Vorrei una risposta anche via email ….. saluti. Franco

  • karalis 25 Agosto 2008 at 17:26

    vorrei sapere se esiste un centro di recupero per questa patologia a Livorno o zona limitrofa.

    Commento di letizia | Lunedì, 25 Agosto 2008 |

    L’Asl 11 di Empoli ha allestito un progetto per il recupero di questo tipo di patologia, presso il Ser.t di Empoli e presso quello di Fucecchio. Il progetto è supervisionato dal dottor Stefano Squotto e finanziato dalla Regione Toscana.

    Puoi leggere questo articolo.

  • letizia 25 Agosto 2008 at 17:07

    vorrei sapere se esiste un centro di recupero per questa patologia a Livorno o zona limitrofa