Estinzione della fideiussione inserita in un contratto di locazione

Estinzione della fideiussione inserita in un contratto di locazione

Il fideiussore (il soggetto che dovrà rimborsare il debito in caso di inadempimento del debitore vero e proprio, indicato come principale) per un’obbligazione futura è liberato se il creditore (il soggetto in favore del quale viene prestata la fideiussione futura), senza speciale autorizzazione del fideiussore ha fatto credito al debitore principale (il soggetto che può incorrere nell’inadempimento), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito (articolo 1956 del codice civile).

In pratica, la norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione che il debitore principale difficilmente potrà adempiere quando il creditore ne è a conoscenza; quindi, di riflesso, ha lo scopo di indurre quest’ultimo a comportarsi secondo buona fede.

In particolare, nel caso di fideiussione prestata per il conduttore di un appartamento locato a favore del proprietario, l’obbligazione fideiussoria si estingue se il il locatore non comunica tempestivamente al fideiussore la morosità del conduttore, facendone aumentare l’esposizione, e se il locatore non agisce tempestivamente verso il conduttore, attraverso una richiesta di risoluzione della locazione.

Questo, in sintesi, il contenuto dell’ordinanza 29364/2019 pronunciata dai giudici della Corte di cassazione, che hanno nell’occasione precisato che, in caso di fideiussione a garanzia degli obblighi del conduttore in un rapporto di locazione, laddove intervenga una morosità del conduttore, l’obbligo del locatore garantito di informare il fideiussore della mora e di chiedere a quest’ultimo l’autorizzazione per continuare a far credito al debitore (e quindi non agire immediatamente per la risoluzione della locazione), ai sensi dell’articolo 1956 del codice civile, richiede comunque, come espressamente previsto da tale disposizione, che il locatore stesso fosse consapevole che le condizioni patrimoniali del conduttore erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito e che tale requisito può peraltro essere accertato anche sulla base di presunzioni.

24 Novembre 2019 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il fideiussore dell'inquilino non può recedere dalla garanzia prima della scadenza del contratto di locazione
La fideiussione in favore del conduttore si protrae per l'intera a durata della locazione, salvo indagare sulla volontà delle parti, nel caso di rinnovo della stessa. L'impegno fideiussorio, infatti, è sempre assoggettato allo stesso termine a cui sono soggette le obbligazioni garantite: nel caso specifico, al termine di durata della locazione, non avendo senso la prestazione di una garanzia per l'adempimento di determinate obbligazioni che non si protragga per lo stesso termine entro il quale dette obbligazioni debbono essere adempiute. In linea di principio è da ritenere, cioè, che la fideiussione prestata a garanzia dell'adempimento di una o più determinate ...

Condizioni per la liberazione dalla fideiussione prestata a favore del creditore per l'obbligazione futura del terzo debitore principale
Il nostro ordinamento prevede (articolo 1956 codice civile) che il fideiussore (garante) per un'obbligazione futura (omnibus) è liberato quando il creditore garantito (la banca), senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo debitore principale (in favore del quale è stata prestata la fideiussione), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di quest'ultimo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il rimborso del credito concesso. La norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione in presenza di un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie del debitore principale in favore del quale egli prestò ...

Contratti di locazione » Il fideiussore del conduttore non può recedere dalla garanzia prima del termine dell'obbligazione
In tema di contratti locazione, il fideiussore del conduttore non può recedere dalla garanzia, poiché il suo impegno è assoggettato alla durata dell'obbligazione. La fideiussione prestata a garanzia dell'adempimento di una o più prestazioni si protrae quanto meno per lo stesso termine entro il quale le prestazioni devono essere eseguite, tale essendo lo scopo per il quale il creditore ha preteso la garanzia, prima di dare credito al garantito. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 25171/14. Da quanto si apprende dalla pronuncia sopra riportata, il fideiussore del conduttore, ovvero dell'inquilino, non può recedere dalla garanzia ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su estinzione della fideiussione inserita in un contratto di locazione. Clicca qui.

Stai leggendo Estinzione della fideiussione inserita in un contratto di locazione Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 24 Novembre 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 15 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)