Quando il Comune paga l'affitto dell'inquilino moroso

Se il reddito del proprio nucleo familiare, risultante dalla dichiarazione ISEE, è uguale o inferiore al canone annuo di locazione, così come risulta da un contratto di affitto regolarmente registrato, l'inquilino rimasto indietro con il pagamento delle mensilità al padrone di casa può accedere al Fondo di morosità incolpevole di cui sono stati dotati i comuni ad alta tensione abitativa.

La "morosità incolpevole" deve essere, tuttavia, riconducibile ad uno dei seguenti eventi che abbiano interessato uno o più componenti il nucleo familiare:

  1. perdita del lavoro per causa indipendente dalla volontà o dal comportamento del lavoratore;
  2. collocamento in mobilità o cassa integrazione guadagni;
  3. chiusura di una attività;
  4. malattia grave, infortunio o decesso.

Al beneficio si accede, qualora siano verificati i requisiti necessari, attraverso un bando di gara attivato dal comune di residenza.

21 gennaio 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando il comune paga l'affitto dell'inquilino moroso. Clicca qui.

Stai leggendo Quando il Comune paga l'affitto dell'inquilino moroso Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 21 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • anto55 2 luglio 2016 at 10:34

    Sono senza lavoro da circa sei anni. Per due volte ho avuto il contributo regionale che e’ stato consegnato al proprietario. Ora ho uno sfratto esecutivo gia’ convalidato anche perche’, per motivi di salute, non ho potuto presentarmi all’udienza e neppure ho potuto avere un avvocato difensore perche’ quello contattato non ha voluto rappresentarmi visto che non potevo pagarlo.

    Non solo non ho trovato un’altra abitazione ma mi e’ stata consegnata, in data 30 giugno 2016, l’intimazione di lasciare la casa entro l’11 luglio 2016. Ho gravi difficolta’ fisiche e psicologiche, non ho il denaro per pagare gli arretrati, ne’ quello per affittare un’altra casa.

    Cosa posso fare almeno per rimandare lo sfratto esecutivo fino a fine anno? Sono disperata aiutatemi con qualche consiglio.

    • Simone di Saintjust 2 luglio 2016 at 12:27

      Circa quindici o venti giorni dopo l’udienza di convalida dello sfratto, all’inquilino moroso viene notificato l’atto di precetto, con il quale il giudice ordina di lasciare libera la casa entro dieci giorni.

      Seguirà, fra circa un mese, la notifica dell’ufficiale giudiziario, il quale comunicherà il giorno e l’ora in cui si presenterà per eseguire materialmente lo sfratto, liberare la casa e sostituire la serratura della porta d’ingresso.

      Nel mese che intercorre fra la notifica del precetto e la comunicazione dell’ufficiale giudiziario sarebbe meglio che l’inquilino contattasse un assistente sociale per chiedere l’intervento del Comune. Durante il colloquio con l’assistente sociale è cosa buona dimostrare, anche attraverso documentazione, la condizione di disoccupazione o di cassa integrazione che ha impedito il pagamento dell’affitto. L’amministrazione comunale può intervenire per aiutare lo sfrattato a trovare una sistemazione logistica, anche temporanea.

      Se anche questo tentativo dovesse andare a vuoto, l’unica via di uscita, per guadagnare tempo, è quella di farsi trovare a letto dall’ufficiale giudiziario, con un certificato medico che attesti una condizione patologica di intrasportabilità del paziente.

  • Eugenio 23 maggio 2015 at 04:22

    Buongiorno
    Il mio inquilino non paga l’affitto da tre mesi, è in arretrato nel pagamento delle spese condominiali per un equivalente di 2 ratei di affitto, mi ha detto che è stato licenziato e quindi non potrà più pagare.
    Fortunatamente quest’anno è in scadenza il contratto di affitto e pertanto ho pensato opportuno non rinnovarglielo.
    Il nucleo familiare è composto da 5 persone di cui tre sono minorenni.
    Sono indeciso se mandargli un provvedimento di sfratto per morosità entrando in questo modo negli anfratti della burocrazia ecc. ecc.. o pazientare nella speranza che mi riesca a pagare qualche mensilità prima della scadenza del contratto. Comunque temo che non rispetti la data di scadenza in quanto essendo disoccupato come farebbe a pagare l’affitto di un altro appartamento ?
    Chiedo consiglio ad una persona che ha avuto già esperienze di questo tipo o che sia esperto in questo tipo di materia prima di rivolgermi ad un legale.

    • Simone di Saintjust 23 maggio 2015 at 04:40

      L’unico consiglio che può essere fornito in situazioni come queste, estremamente spiacevoli sia per il conduttore che per il locatore, è quello di iniziare quanto prima le procedure legali finalizzate ad ottenere dal giudice un decreto di sfratto per morosità.




Cerca