Quando la banca ritarda l'apertura di un conto corrente

E’ corretto il comportamento della banca ritarda l’apertura di un conto corrente oltre il termine di scadenza di un’offerta promozionale che prevedeva condizioni di tasso favorevoli, delle quali il cliente non ha quindi potuto giovarsi?

La pubblicità delle condizioni contrattuali offerte, pur non costituendo un offerta al pubblico, determina l’obbligo della banca di attenersi alle condizioni pubblicizzate nel rispetto dei principi di buona fede e correttezza che devono connotare le relazioni di affari con la clientela.

La banca non può richiamare la disposizione contrattuale che fissa un termine massimo di sessanta giorni dalla ricezione della domanda per l’apertura del conto, se la stessa è stata presentata con largo anticipo rispetto alla scadenza dell’agevolazione, così da consentire di porre in essere gli adempimenti necessari entro il termine massimo indicato.

Né può appellarsi alle clausole contrattuali sottoscritte dal cliente in base alle quali l’attivazione del conto corrente avviene previa accettazione della relativa richiesta da parte della banca. Infatti, l’apertura tardiva del rapporto del conto corrente esclude che la sussistenza di motivazioni per opporre un diniego all’accettazione.

Il cliente ha diritto al risarcimento del danno rappresentato dal mancato guadagno conseguente al maggior tasso di interesse che sarebbe stato riconosciuto sulle somme versate sul conto.

Queste le conclusioni a cui è giunto l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione 895/13.

25 Settembre 2014 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Spese ed interessi in conto corrente - Quando il contratto non è sottoscritto dal cliente
Spetta alla banca l'onere di provare quali siano le condizioni economiche applicabili al rapporto di conto corrente con il cliente. In mancanza di un contratto sottoscritto dal cliente, gli interessi e gli altri oneri, addebitabili in conto corrente, sono determinati dal Testo Unico Bancario (TUB), il quale prevede che il contratto sia automaticamente integrato sulla base di informazioni pubbliche o comunque pubblicizzate dalla banca mediante la documentazione di trasparenza. Risulta illegittima l'applicazione di spese in misura diversa da quanto previsto nel contratto sottoscritto dal cliente e nella documentazione di trasparenza vigente. In particolare, quando gli interessi non risultano pattuiti per ...

Modifica unilaterale delle condizioni di conto corrente - Prendere o lasciare
Secondo un orientamento di giurisprudenza ormai consolidato, a cui anche l'Arbitro Bancario Finanziario si è uniformato, la possibilità di modifica unilaterale, da parte della banca, delle condizioni contrattuali di conto corrente è condizionata dal preventivo invio, al cliente, di una comunicazione con la dicitura “proposta di modifica unilaterale del contratto”. Tale comunicazione attribuisce alla banca il potere di modificare il contratto indipendentemente dall'accettazione o dal rifiuto del cliente, il quale può solo esercitare il diritto di recesso preso atto della modifica, in senso a sé sfavorevole, delle condizioni contrattuali. Una volta che il diritto alla modifica unilaterale delle condizioni contrattuali ...

Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai sensi del codice civile (art. 1855) e, pertanto, l'estinzione del conto corrente costituisce, per la banca, un atto dovuto. Tuttavia, è legittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente se le parti hanno espressamente pattuito, ad esempio, nell'ambito di un contratto di mutuo, che l'operazione deve essere regolata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando la banca ritarda l'apertura di un conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Quando la banca ritarda l'apertura di un conto corrente Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 25 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)