Il debitore, qualora il giudice accerti l’obbligazione, deve pagare tutte le spese legali sostenute dal creditore?

Volevo fare una domanda sulle spese legali in caso di procedura giudiziale intrapresa dal creditore. Il debitore, qualora il giudice accerti l’obbligazione, deve pagare tutte le spese legali sostenute dal creditore (avvocati, notai, spese di bolli, eccetera)??? E se sì, il creditore allora non ha sempre convenienza a procedere per vie legali, se tanto poi le spese sono a carico del debitore?

Dino Rock, 21 gennaio 2009

La risposta corretta è: dipende, ma solitamente si, il debitore deve pagare le spese legali per il recupero.

Talvolta, al termine di giudizi ordinari di merito, il Giudice può anche decidere di dividere le spese legali secondo equità. Quando si procede per decreto ingiuntivo, o peggio ancora quando ci sono titoli esecutivi come le cambiali impagate e protestate, c’è poco da scappare, il debitore deve pagare.

Ciò nonostante, non sempre per il creditore è conveniente procedere per le vie legali, il motivo è molto semplice: fra avere diritto ad essere pagato ed esserlo effettivamente c’è una bella differenza.

Facciamo il caso del creditore che decida, senza se e senza ma, di citare in causa un debitore. Intanto deve anticipare tutte le spese legali, e non sono tanto contenute. Poi ci sono i tempi: se si esce “dall’autostrada” del decreto ingiuntivo, diventano biblici, devo dire purtroppo perchè non è sintomo di salute del sistema giudiziario.

Alla fine comunque ottiene ragione e il debitore viene condannato a pagare. A quel punto: sorpresa! Il debitore è a tutti gli effetti disoccupato e nullatenente; cosa ha ottenuto in questo caso il creditore? Un pugno di mosche, spese e tempo perso.

Si pensi inoltre ai “major creditors” (banche e finanziarie per es.): quando si devono gestire migliaia di pratiche, occorre – come minimo – scremare quelle da passare al contenzioso legale.

Ecco da questi motivi (sommari, poi ce ne sono degli altri più tecnici) tutta la convenienza del creditore a tentare prima un recupero per le vie stragiudiziali.

Per fare una domanda sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui diritti del debitore, sui debiti in generale nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

21 Gennaio 2009 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Fideiussione plurima - ciascun fideiussore risponde solo delle spese sostenute dal creditore per escutere il debitore principale
Il debitore principale non adempie alle proprie obbligazioni. Il creditore di conseguenza escute i due fideiussori F1 e F2 , ottenendo nei loro confronti un decreto ingiuntivo. Solo il fideiussore F1 si oppone al decreto ingiuntivo. Il creditore pretende dal fideiussore F2 le spese legali sostenute per contrastare l'opposizione del fideiussore F1. E' legittima tale pretesa? Al quesito hanno risposto i giudici della Corte di cassazione con la sentenza numero 5193/15, ricordando che la fideiussione è un contratto con prestazioni a carico di una parte sola, ovvero il garante. Per effetto di essa, quest'ultimo si obbliga a pagare al creditore ...

Spese legali di precetto a carico del debitore - Il giudice deve verificarne la congruità
Il giudice dell'esecuzione ha il potere/dovere di verificare l'idoneità del titolo e la correttezza della quantificazione del credito operata dal creditore nel precetto. Il fatto che il debitore abbia il potere di contestare l'ammontare del credito azionato nei suoi confronti, non significa che, ove non lo faccia, il giudice dell'esecuzione debba limitarsi ad assumere il credito esposto dalla parte istante nel precetto, o nella istanza di assegnazione, senza poter verificare la corrispondenza della sua liquidazione al titolo esecutivo e la correttezza della quantificazione delle spese di precetto. Il giudice di merito, in presenza di una nota specifica relativa alle competenze ...

Il debitore deve sempre concordare con il creditore la dilazione di un prestito o di una obbligazione - Se la dilazione non è concessa in modo formale il debitore deve adempiere comunque alla scadenza per l'importo dovuto
Circa 3 anni fa chiedo protocollando in banca di pagare il mio debito di circa 5 mila euro con rate da 100 euro mensili senza alcuna risposta. Nonostante questo verso ogni mese questa cifra senza ricevere alcuna azione dalla banca. Da un anno a questa parte ho interpellato sia l'ente garante al 50%, che la banca ed ho ottenuto dal primo l'approvazione scritta e dalla seconda quella verbale che avrebbero regolarizzato questa posizione anomala, cioè fare versare la quota di 100 euro senza sistemare il debito con un piano di ammortamento. Anche ultimamente ho firmato due fogli di carta della ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il debitore, qualora il giudice accerti l’obbligazione, deve pagare tutte le spese legali sostenute dal creditore?. Clicca qui.

Stai leggendo Il debitore, qualora il giudice accerti l’obbligazione, deve pagare tutte le spese legali sostenute dal creditore? Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 21 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 13 Dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • c0cc0bill 22 Gennaio 2009 at 15:44

    Conviene postare nella sezione dedicata ai quesiti sui debiti. Questo spazio è riservato ai commenti sugli articoli.

  • DINO ROCK 21 Gennaio 2009 at 16:56

    Quindi riassumendo:

    -se il creditore ottiene il decreto ingiuntivo il decreto ordina al debitore, oltra alla restituzione della somma a debito, anche il pagamento delle spese legali sostenute dal creditore per arrivare al decreto ingiuntivo, spese legali che quindi nel 100% dei casi dovranno essere sostenute dal debitore.

    -se invece si svolge un vero e proprio processo ordinario di merito (il chè avviene in casi diversi da quello tipico del debitore che non vuole/non puo’ pagare ma che riconosce la propria obbligazione) può darsi che il giudice divida le spese legali appunto “in equita’” tra le parti.

    un’altra domanda: per “spese legali” del creditore si intendono tutte le spese ben descritte da barbara di salvo nel post “le procedure di recupero crediti: il punto di vista del creditore” (quindi spese del notaio per la certificazione dell’obbligazione, il bollo,l’avvocato del creditore)?
    ed infine: il debitore che tratta un saldo a stralcio dovrebbe essere in grado di fermarsi proprio prima del decreto ingiuntivo, per evitare di accollarsi oltre a debito e interessi anche le spese legali. qual’è il passo ufficiale e legale che deve compiere il creditore per annunciare al debitore che il prossimo passo sarà il decreto ingiuntivo? grazie ancora