Punti patente e corsi di recupero » Non serve comunicazione ufficiale

Per poter partecipare ai corsi per il recupero dei punti patente non è più obbligatorio aver ricevuto la comunicazione di decurtazione da parte del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Da ora, si potranno iscrivere anche gli automobilisti che abbiano avuto conoscenza della decurtazione per vie informali.

Lo ha chiarito il Ministero dei Trasporti con la circolare numero 11490 dell’8 maggio 2013, che recita: Com’è noto, l’articolo 6, comma 1 del decreto ministeriale 29 luglio 2003 recante “Programmi dei corsi per il recupero dei punti della patente di guida” (gazzetta ufficiale 6 agosto 2003 numero 181) come modificato dal decreto ministeriale30 marzo 2006 (gazzetta ufficiale 3 maggio 2006, numero 101) prevede che “non è possibile iscriversi ad un corso se non si è prima ricevuta la comunicazione, da parte del Dipartimento dei trasporti terrestri, di decurtazione del punteggio .Sulla mancata ricezione della detta comunicazione e le conseguenze in termini di impossibilità di iscriversi ai corsi di recupero si è sviluppato un notevole contenzioso che ha portato ad un orientamento della giurisprudenza amministrativa (v. per tutte Consiglio di Stato, Sez. IV, sentenza numero 6189/2012 del 4/12/2012) che introduce una interpretazione “adeguatrice” della sopradetta disposizione regolamentare nel senso che deve essere consentito l’accesso ai corsi di recupero anche a coloro che, pur in assenza della detta comunicazione, comprovino l’avvenuta conoscenza della decurtazione già operata dagli Organi accertatori nei loro riguardi tramite il report del Portale dell’automobilista o il numero verde.

Pertanto, d’ora in poi per poter recuperare i punti patente non è necessario attendere la lettera della motorizzazione che certifica l’avvenuta decurtazione. Basterà presentarsi alla motorizzazione con la stampa del saldo punti estratta dal portale dell’automobilista.

Non serve più la comunicazione ufficiale per accedere ai corsi di recupero dei punti patente » Considerazioni

I corsi per il recupero dei punti patente sono ancora agevolati dalla mancanza del provvedimento attuativo che darà il via libera all’esame finale innestato nell’articolo 126-bis del Codice della Strada dalla legge 120/2010.

In pratica attualmente basta iscriversi ad un corso organizzato da una autoscuola e frequentare 12 o 18 ore complessive di lezioni, senza esame, per recuperare rispettivamente 6 o 9 punti patente (a seconda della tipologia di patente di guida).

Ma il Decreto Ministeriale del 29 luglio 2003 recante programmi dei corsi per il recupero dei punti della patente di guida prevedeva letteralmente che non era possibile iscriversi ad un corso se non si era prima ricevuta la comunicazione, da parte del dipartimento dei trasporti terrestri, di decurtazione di punteggi.

La mancata ricezione della lettera dell’avvenuto taglio di punti patente ha determinato un notevole contenzioso che ha portato il Ministero da abbracciare una interpretazione più favorevole al trasgressore.

In pratica, specifica la nota centrale, deve essere consentito l’accesso ai corsi di recupero anche a coloro che, pur in assenza della comunicazione, comprovino l’avvenuta conoscenza del proprio saldo punti aggiornato.

Per contenere il potenziale contenzioso e allargare la possibilità di iscrizione degli interessati ai corsi di recupero il ministero ha quindi disposto che, l’iscrizione ai corsi di recupero sarà consentita anche a tutti i soggetti in grado di esibire la stampa del saldo punti estratta dal portale dell’automobilista o richiesta agli sportelli della motorizzazione senza alcun onere.

Dunque, con questo aggiornamento legislativo, l’iscrizione ai corsi di recupero è consentita anche presentando uno dei seguenti documenti:

  • stampa del saldo punti patente acquisito sul sito “Il portale dell’automobilista” (attraverso registrazione);
  • stampa del saldo punti patente acquisito attraverso l’accesso agli uffici del Ministero dei Trasporti.

11 Giugno 2013 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Patente a punti » Ecco come impugnare la decurtazione
In caso di decurtazione dei punti della patente, qualora si pensi sia ingiusta, per la presentazione del ricorso non è necessario attendere la comunicazione dell'Anagrafe nazionale. In caso di sanzione, la quale comporti una decurtazione dei punti dalla patente, infatti, l'automobilista che voglia fare opposizione non deve attendere la comunicazione di avvenuta variazione dei punti che viene effettuata dall'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida una volta che il procedimento sanzionatorio si sia ormai concluso. Al contrario, deve proporre opposizione davanti al giudice di pace già contro il preavviso di detta decurtazione, preavviso che è contenuto nel verbale di accertamento con ...

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale non deve comunicare alcunché all'autorità che ha elevato la multa. Impugnazione multa: secondo il giudice di pace di parma non c'è l'obbligo di comunicazione dati conducente A parere del giudice di pace di Parma, con la decisione 703/13, non vi è l'obbligo di comunicare i dati del conducente se nel ...

Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata una violazione che determina la decurtazione dei punti patente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20974/14. Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, quando si riceve una multa, il fatto di aver impugnato il verbale non esime dall'obbligo di comunicare, all'amministrazione che ha notificato la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su punti patente e corsi di recupero » non serve comunicazione ufficiale. Clicca qui.

Stai leggendo Punti patente e corsi di recupero » Non serve comunicazione ufficiale Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 11 Giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Settembre 2019 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)