Pubblicità ingannevole » Salvo esaurimento scorte? Va verificato

Quante volte è capitato: attratti da un volantino pubblicitario che annunciava della merce in offerta, vi siete recati al negozio per acquistare il prodotto, ma il commesso vi ha detto che, lo stesso, era appena terminato. Ebbene, secondo gli ultimi orientamenti, è pubblicità ingannevole promuovere prodotti disponibili solo in piccole quantità.

Inserire nel volantino promozionale delle offerte di beni, poi risultati indisponibili proprio nel periodo della promozione, è una pratica di pubblicità ingannevole e, quindi, scorretta.

Il venditore non si esonera dalla responsabilità nemmeno apponendo sul volantino la dicitura salvo esaurimento scorte e/o merce.

E’ necessario, infatti, il semplice fatto che il consumatore sia entrato nel centro commerciale o nel negozio, a prescindere poi che abbia acquistato o meno qualche prodotto, per integrare l’illecito.

Ciò è quanto si evince da una sentenza della Corte di Giustizia Europea.

Dello stesso parere il Tar del Lazio, che si era pronunciato in favore dei consumatori.

A parere dei giudici amministrativi, infatti, sono da ritenersi messaggi pubblicitari ingannevoli, e per questo soggetti alla censura dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato le promozioni a fronte delle quali ci sia una insufficiente disponibilità di prodotti in offerta. Pertanto, è del tutto irrilevante applicare casi la dicitura salvo esaurimento scorte.

Nella pronuncia, il TAR del Lazio ha chiarito che il messaggio pubblicitario si può ritenere ingannevole anche se il venditore, prima della stipula del contratto, si renda disponibile nei confronti del consumatore di fornire maggiori informazioni.

La pratica commerciale scorretta, infatti, riguarda il messaggio pubblicitario in sé, e, pertanto, la sua idoneità a condizionare le scelte dei consumatori, indipendentemente dalle informazioni che il venditore renda disponibili a contatto già avvenuto, e quindi, ad effetto promozionale ormai prodotto.

In queste fattispecie, dunque, il consumatore ha diritto ad ottenere, in risarcimento, la possibilità di acquistare un prodotto di pari o superiore valore a quello riportato nel volantino come in offerta, ma allo stesso prezzo indicato nella promozione.

13 Giugno 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

E' pubblicità ingannevole se si induce il cliente ad entrare in negozio ma poi manca merce in offerta » Sentenza Corte di Giustizia Europea
Infatti, una pratica commerciale dev'essere qualificata come «ingannevole», ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 2005/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 maggio 2005, relativa alle pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno e che modifica la direttiva 84/450/CEE del Consiglio e le direttive 97/7/CE, 98/27/CE e 2002/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CE) numero 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio («direttiva sulle pratiche commerciali sleali»), qualora tale pratica, da un lato, contenga informazioni false o possa ingannare il consumatore medio e, dall'altro, sia idonea ad indurre il ...

La piastrina magnetica non protegge dalle radiazioni » Antitrust sanziona Auracell per pubblicità ingannevole
L'Antitrust (Agcm) ha sanzionato la società che produce il noto marchio Auracell per pubblicità ingannevole: in realtà il prodotto non protegge dalle radiazioni del telefonino. Come ci si può difendere dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari e cordless? Come tutelarsi dal rischio di contrarre gravi malattie con l'uso prolungato dei cellulari, ormai parte integrante della vita di tutti i giorni? Semplice, attraverso l'uso di una piastrina magnetica chiamata Auracell, prometteva la pubblicità. Peccato che le proprietà vantate dal dispositivo siano considerate pubblicità ingannevole e non provata dall'Agcm, che ha sanzionato le società di produzione e commercializzazione per 130 mila euro. ...

Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e cosa pubblicità comparativa. La pubblicità è ingannevole quando è in grado di indurre in errore l'impresa alla quale è rivolta, pregiudicandone il comportamento economico, o quando è idonea a ledere un concorrente. L'ingannevolezza può riguardare le caratteristiche dei beni o dei servizi, come la loro disponibilità o la data di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pubblicità ingannevole » salvo esaurimento scorte? va verificato. Clicca qui.

Stai leggendo Pubblicità ingannevole » Salvo esaurimento scorte? Va verificato Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 13 Giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette - clausole vessatorie e pubblicità ingannevole - servizi non richiesti Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)