Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia

Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio nessuno

L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole.

Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio nessuno.

Una delle ultime multe dell'Agcm, infatti, è stata inflitta ad Enel Energia.

Nelle motivazioni della sanzione l'Antitrust ha dichiarato che: Per quanto riguarda la durata della violazione, dagli elementi disponibili in atti risulta che la pratica commerciale è stata posta in essere dal mese di ottobre 2012 al mese di dicembre 2012. Sulla base di tali elementi, si ritiene di determinare l'importo della sanzione amministrativa pecuniaria applicabile a Enel Energia S.p.A. nella misura di 100.000 € (centomila euro).

Tutto è nato da una segnalazione dell'associazione Movimento Difesa del Cittadino.

L'offerta in questione è stata reclamizzata dappertutto e si chiama Tutto compreso gas.

Nel dettaglio, ai consumatori è stata promessa una offerta a quindici euro al mese per quel che riguarda la taglia Small: per consumi fino a 120 metri cubi l'anno per il costo di dieci euro al mese.

Peccato che siano stati usati caratteri troppo piccoli per spiegare un costo di settantanove centesimi per i consumi superiori alla taglia stessa.

In pratica, dettagli così importanti non venivano evidenziati nella maniera più adeguata, anzi su internet le slides duravano pochissimi secondi.

Ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile

Ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile.

Inoltre, il consumo medio tipico degli utenti è compreso tra 120 e 180 metri cubi ogni anno.

Ma questa è una taglia media, ben diversa dalla pubblicità di Enel Energia.

L'offerta ha provocato numerosi errori e le reali caratteristiche della stessa non sono state capite.

Insomma, molte persone hanno pensato di sfruttare qualcosa di molto conveniente e con tanto di prezzo fisso: in realtà, la taglia di consumi associata viene superata nella maggior parte dei casi, di conseguenza le bollette non possono che essere più alte.

Enel dovrà prestare più attenzione in futuro se vorrà evitare altre multe.

25 settembre 2013 · Giovanni Napoletano


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Consumi presunti in bollette luce e gas - L'antitrust castiga ACEA, ENEL, ENI ed EDISON
Per migliaia di clienti di ACEA, ENEL, ENI ed EDISON, la fatturazione di gas ed energia elettrica è avvenuta in assenza di dati di misura reale e per estesi periodi di consumo: sono stati utilizzati algoritmi di calcolo che hanno determinato stime errate, con la conseguente, reiterata emissione di fatture ...
Attivazione di forniture non richieste di energia elettrica alle famiglie - Sanzionate Switch Power e Union
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (anche nota come AGCM e Antitrust) ha concluso tre procedimenti istruttori per pratiche commerciali scorrette adottate dalle società Switch Power s.r.l. e Union s.r.l., attive nella fornitura di energia elettrica, nonché dall'impresa individuale Prima Consulenza, che forniva presunti servizi di manutenzione e consulenza ...
E' pubblicità ingannevole se si induce il cliente ad entrare in negozio ma poi manca merce in offerta » Sentenza Corte di Giustizia Europea
Infatti, una pratica commerciale dev'essere qualificata come «ingannevole», ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 2005/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 maggio 2005, relativa alle pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno e che modifica la direttiva 84/450/CEE del Consiglio e le ...
La piastrina magnetica non protegge dalle radiazioni » Antitrust sanziona Auracell per pubblicità ingannevole
L'Antitrust (Agcm) ha sanzionato la società che produce il noto marchio Auracell per pubblicità ingannevole: in realtà il prodotto non protegge dalle radiazioni del telefonino. Come ci si può difendere dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari e cordless? Come tutelarsi dal rischio di contrarre gravi malattie con l'uso prolungato dei ...
Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pubblicità ingannevole » lo spot fraudolento di enel energia. Clicca qui.

Stai leggendo Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 novembre 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca