Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Auracell

L’Antitrust (Agcm) ha sanzionato la società che produce il noto marchio Auracell per pubblicità ingannevole: in realtà il prodotto non protegge dalle radiazioni del telefonino.

Come ci si può difendere dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari e cordless? Come tutelarsi dal rischio di contrarre gravi malattie con l’uso prolungato dei cellulari, ormai parte integrante della vita di tutti i giorni?

Semplice, attraverso l’uso di una piastrina magnetica chiamata Auracell, prometteva la pubblicità.

Peccato che le proprietà vantate dal dispositivo siano considerate pubblicità ingannevole e non provata dall’Agcm, che ha sanzionato le società di produzione e commercializzazione per 130 mila euro.

Auracell: la campagna di pubblicità ingannevole

Tutto il giorno al cellulare, spiegava la pubblicità: ma come fare per difendersi dalle radiazioni? “Ci sono due modi per tutelarti dai picchi di emissione del cellulare: o non telefoni o lo usi con il dispositivo Auracell!

Vi era poi la spiegazione grafica su come usare il dispositivo.: Prendi il tuo dispositivo Auracell, applica in corrispondenza della batteria, Auracell ti protegge.

Le spiegazioni riportate online accreditano il dispositivo come in grado di ridurre le onde elettromagnetiche, mentre una serie di informazioni su queste ultime ne sottolinevano la loro pericolosità.

Le motivazioni dell’Agcm

L’Autorità contesta alla società Aura srl di aver attribuito ad Auracell qualità, proprietà ed effetti protettivi sul corpo umano dalle onde e dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari, cordless e telecomandi nonché dal rischio di contrarre gravi malattie cancerogene ottenibile mediante l’uso di tale dispositivo, non rispondenti al vero.

Tutti i messaggi con i quali il prodotto viene pubblicizzato sono incentrati sui rischi che deriverebbero dalle onde elettromagnetiche e sulla protezione che il dispositivo Auracell garantirebbe.

Messaggi che risultano chiaramente orientati a ingenerare nel consumatore la ragionevole convinzione di poter ottenere una protezione dalle onde elettromagnetiche del cellulare o dei cordless tale da escludere il rischio di contrarre gravi malattie legato all’uso di tali apparecchi.

Peccato che non sia così, perché dalle evidenze acquisite nel corso dell’istruttoria è emerso che il prodotto in questione non possiede le qualità vantate nei messaggi oggetto del procedimento posto che non esiste alcuna documentazione scientifica atta a comprovare quanto evidenziato, con toni enfatici, assertivi e perentori, nei messaggi diretti ai consumatori.

Le accuse di pubblicità ingannevole e le sanzioni

Per queste motivazioni l’Agcm delibera:

  1. che la pratica commerciale descritta posta in essere dalle società Aura Holding srl, Aura srl e Aura Activator srl costituisce, per le ragioni e nei limiti esposti in motivazione, una pratica commerciale scorretta ai sensi degli articoli 20, 21, lettere b) e f), e 23, lettera d) e n), del Codice del Consumo e ne vieta la continuazione;
  2. di irrogare, alla società Aura Holding srl, con riferimento alla pratica commerciale descritta al punto II del presente provvedimento, una sanzione amministrativa pecuniaria di 105.000 € (centocinquemila euro);
  3. di irrogare alla società Aura srl, con riferimento alla pratica commerciale descritta al punto IIdel presente provvedimento, una sanzione amministrativa pecuniaria di 20.000 € (ventimila euro);
  4. di irrogare alla società Aura Activator srl, con riferimento alla pratica commerciale descritta al punto II del presente provvedimento, una sanzione amministrativa pecuniaria di 5.000 € (cinquemila euro).

16 Gennaio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero potuto operare come centro di vendita di servizi quali le ricariche di telefoni cellulari, le spedizioni postali e le scommesse on-line. Omettevano però di spiegare che alcuni servizi avrebbero potuto essere indisponibili. Quando le microimprese cercavano di recedere dal contratto le società opponevano una serie di ostacoli. ...

E' pubblicità ingannevole se si induce il cliente ad entrare in negozio ma poi manca merce in offerta » Sentenza Corte di Giustizia Europea
Infatti, una pratica commerciale dev'essere qualificata come «ingannevole», ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 2005/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 maggio 2005, relativa alle pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno e che modifica la direttiva 84/450/CEE del Consiglio e le direttive 97/7/CE, 98/27/CE e 2002/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CE) numero 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio («direttiva sulle pratiche commerciali sleali»), qualora tale pratica, da un lato, contenga informazioni false o possa ingannare il consumatore medio e, dall'altro, sia idonea ad indurre il ...

Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e cosa pubblicità comparativa. La pubblicità è ingannevole quando è in grado di indurre in errore l'impresa alla quale è rivolta, pregiudicandone il comportamento economico, o quando è idonea a ledere un concorrente. L'ingannevolezza può riguardare le caratteristiche dei beni o dei servizi, come la loro disponibilità o la data di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pubblicità ingannevole » agcm sanziona auracell. Clicca qui.

Stai leggendo Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Auracell Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 16 Gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette - clausole vessatorie e pubblicità ingannevole - servizi non richiesti Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)