Protesto bancario

Voglio raccontare una storia davvero spiacevole e spero di ricevere risposta ai miei quesiti.

Il mio compagno, in giovanissima età (poco più che ventenne), si è trovato a firmare degli assegni per invito di suo padre. Questi assegni non erano coperti e di lì il protesto bancario.

Ora la sitazione è questa: sono passati circa 5 anni. Degli assegni a terzi molti sono stati pagati al creditore, che in cambio ha ridato l’assegno in oggetto. Tre invece sono ancora le situazioni in sospeso.

La cosa problematica è che il mio compagno non sapeva di essere protestato, un po’ per gioventù un po’ per fiducia ha lasciato fare al padre e ora si trova in questa situazione.

Cosa possiamo fare? Lui lavora come dipendente privato. E’ impossibile sanare la situazione? Passeremo tutta la vita con questo problema? Aiutateci, sappiamo molto poco. Abbiamo solo il materiale, ma non sappiamo interpretarlo.

La cancellazione del protesto bancario, decorsi 5 anni dalla levata del protesto, è d’ufficio (automatica).

Quindi se dovessero essere già trascorsi i 5 anni, o se poco vi mancasse, Vi conviene aspettare.

Se invece dovesse mancare ancora molto, potreste ricorrere alla procedura di riabilitazione dal protesto di assegni, da espletare presso il Tribunale previo pagamento ovviamente dei debiti correlati.

Attenzione al fatto che l’assegno insoluto, come la cambiale, rappresenta titolo esecutivo … in poche parole – a prescindere dalla gestione del protesto – il creditore avrà in mano un’arma efficacissima per rivalersi sul debitore… i debiti in questione andranno comunque gestiti, e personalmente avrei più che una lamentela da fare nei confronti del padre.

31 Maggio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno bancario – girate e protesto
Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca. Il mancato pagamento dell'assegno all'atto di presentazione per l'incasso deve risultare dal protesto, ovvero da un atto pubblico (redatto da un notaio o un pubblico ufficiale o ufficiale giudiziario), nel quale si accerta in forma solenne l'avvenuta presentazione del titolo in tempo utile ed il conseguente rifiuto della Banca di pagare. ...

Protesto di un assegno – come il creditore può recuperare il credito e il debitore limitare il danno
A chiunque può capitare di emettere un assegno parzialmente o totalmente a vuoto, e c'è sempre il malcapitato che lo riceve in pagamento. In questi casi, il più delle volte, non si sa cosa fare. E' utile e conveniente per il creditore procedere al protesto dell'assegno? E quali sono le conseguenze per il debitore inadempiente? In questo articolo il consulente legale prova a spiegare ad entrambi, passo dopo passo, con le semplici parole di tutti i giorni, quali le iniziative da intraprendere e le misure da adottare. Si tratta di informazioni efficaci, all'uno per recuperare il credito e all'altro per ...

Assegni scoperti, protesto, segnalazione in CAI, pagamento tardivo, riabilitazione - Tips and tricks
A proposito di assegni scoperti, protesto di un assegno privo di copertura, iscrizione in Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), pagamento tardivo e riabilitazione dal protesto, non tutti sanno che: L'assegno bancario o postale deve essere presentato al pagamento in tempo utile, ovvero nel termine di otto giorni, decorrenti dalla data indicata sul modulo, se è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; nel termine di quindici giorni se pagabile in comune diverso da quello in cui è stato emesso; nel termine di trenta giorni se è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui è stato emesso ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su protesto bancario. Clicca qui.

Stai leggendo Protesto bancario Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 31 Maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)