Protesto a causa di assegno scoperto » Posso accedere a mutuo?

Ho subito un protesto e adesso vorrei stipulare un mutuo

L'anno scorso, dopo aver emesso un assegno scoperto, ho subito un protesto.

Ora, sono in procinto di andare a vivere da solo e dovrei stipulare un mutuo.

Dopo la levata del protesto, mi sarà possibile accedervi?

Se no, come devo comportarmi? Cosa devo fare? Ne ho bisogno.

Protesto a causa di assegno scoperto » Come funziona

In teoria, non esistono norme che vietino a una persona nei confronti della quale sia stato levato un protesto di accedere a un finanziamento, specie se di tipo ipotecario.

In pratica, però, è prassi bancaria non effettuare finanziamenti a favore di persone che versino in questa situazione per evidenti ragioni di minor affidamento del richiedente.

In questo, caso sarà necessario provvedere alla cancellazione del protesto che è possibile laddove sia stato regolarizzato il pagamento del titolo di credito che non era stato onorato.

Se il pagamento non è ancora avvenuto, quindi, bisognerà prima pagare e poi fare domanda di riabilitazione.

In alternativa, e con la collaborazione della banca, potrebbe essere possibile ottenere il mutuo magari dietro fideiussione da parte di altro soggetto, non protestato, che si faccia garante del mutuatario.

10 dicembre 2013 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su protesto a causa di assegno scoperto » posso accedere a mutuo?. Clicca qui.

Stai leggendo Protesto a causa di assegno scoperto » Posso accedere a mutuo? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 10 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 26 ottobre 2016 Classificato nella categoria protesti e protestati - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • betty78 13 novembre 2014 at 12:07

    Anche io ero protestata, la strada per uscirne è lunga ma non impossibile.

    • Carla Benvenuto 13 novembre 2014 at 12:14

      Grazie, Betty, per la tua testimonianza che infonde una speranza ai protestati. Ti saremmo grati, noi dello staff, se potessi descriverci la tua esperienza, purché, naturalmente, non sia passata per le solite società che fanno delle disgrazie altrui la propria fonte di guadagno.

      Qualora volessi intervenire, ti suggerisco di utilizzare il tastino replica, in modo tale che l’intera discussione non risulti frammentata in coppie di commenti.




Cerca