Il protesto di un assegno scoperto intrasferibile non comporta alcun vantaggio per il beneficiario nel recupero del credito




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


Oggi, che gli assegni di importo pari o superiore a mille euro, per quanto disposto dalla normativa antiriciclaggio, non possono essere più girati, sono cioè non trasferibili, il problema dell’azione di regresso resa possibile solo dal protesto dell’assegno scoperto non si pone più.

L’azione esecutiva diretta nei confronti di Caio avviata da Sempronio (beneficiario e portatore) per ottenere il rimborso dell’importo facciale dell’assegno scoperto, più spese ed interessi, infatti, può essere avviata nei confronti di Caio anche senza elevare il protesto.

E’ sufficiente, allo scopo, la dichiarazione della banca trattaria (la banca di Caio), apposta sul modulo, attestante che l’assegno e’ stato presentato in tempo utile e non pagato per mancanza di disponibilità in conto corrente (la provvista). La clausola “senza spese e senza protesto” inserita sull’assegno dal traente (Caio), ed evidentemente accettata dal beneficiario (Sempronio), rappresenta una indicazione alla banca trattaria di non procedere al protesto dell’assegno per mancanza di provvista.

Così, Caio non subisce il protesto e Sempronio non paga le spese per evitarlo. Va ricordato, infatti, che, in caso di assegno scoperto, le spese notarili per elevare il protesto sono a carico del beneficiario, anche se potranno poi essere recuperate con l’azione esecutiva diretta. Ad ogni modo si tratta sempre di costi certi ed immediati a fronte di un recupero incerto. Il rischio, come amano ripetere a Napoli, è quello di finire “cornuti e mazziati”.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


21 Gennaio 2015 · Ludmilla Karadzic




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il protesto di un assegno scoperto intrasferibile non comporta alcun vantaggio per il beneficiario nel recupero del credito. Clicca qui.

Stai leggendo Il protesto di un assegno scoperto intrasferibile non comporta alcun vantaggio per il beneficiario nel recupero del credito Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 21 Gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Agosto 2017 Classificato nella categoria assegni scoperti e protestati - ricorso ad ingiunzione prefettizia ed esercizio azione regresso Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)