Tribunale di Pistoia, sentenza del 19 maggio 2001 - Procedura d'urgenza cancellazione protesti ex articolo 700 del Codice di procedura civile

Il debitore protestato ha sempre la facoltà di rivolgersi direttamente alla magistratura ordinaria per ottenere la cancellazione del protesto per illegittimità od erroneità in tutte quelle circostanze nelle quali tali vizi dell'atto non siano riscontrabili palesemente dal titolo e quindi sia insussistente la competenza a cancellare da parte del Dirigente responsabile dell'Ufficio Protesti della C.C.I.A.A.

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tribunale di pistoia, sentenza del 19 maggio 2001 - procedura d'urgenza cancellazione protesti ex articolo 700 del codice di procedura civile. Clicca qui.

Stai leggendo Tribunale di Pistoia, sentenza del 19 maggio 2001 - Procedura d'urgenza cancellazione protesti ex articolo 700 del Codice di procedura civile Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 9 giugno 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria assegni - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca