Protestato per assegno emesso senza autorizzazione

Protestato per assegno postdatato risultato emesso senza autorizzazione al momento dell'incasso

Nell'anno 2009 sono stato protestato per un assegno scoperto emesso a favore della mia assicurazione: naturalmente la banca mi aveva richiesto la restituzione del carnet degli assegni restanti in mio possesso con conseguente raccomandata pervenutami per comunicarmi la revoca all'emissione di assegni.

Il carnet si componeva di 8 assegni rimanenti tutti restituiti e di un altro assegno per cui avevo fatto richiesta di annullamento visto che era stato consegnato a garanzia di un contratto di acquisto di quota di cooperativa sociale per acquisto di una casa che come specificato nel contratto sarebbe stato riscosso solo al momento dell'effettivo inizio della costruzione. (rivelatasi una truffa)

Sono stato riabilitato a gennaio 2011, ma purtroppo proprio a seguito della truffa di cui sopra anche se nell'anno 2010 e poi 2011 avevo tentato di recuperare quell'assegno famoso non riuscendoci, pensavo che essendo l'assegno bloccato non poteva essere presentato per l'incasso.

A fine ottobre 2011 la banca mi protesta proprio per questo assegno per mancanza autorizzazione ad emettere assegni.

Le mie perplessità nascono dal fatto che:
1) trattasi di truffa per cui ho fatto denuncia ai carabinieri purtroppo successiva al protesto;
2) Irreperibilità del beneficiario truffatore.

Che cosa posso fare per ottenere la riabilitazione?

Il protesto per assegno emesso dopo revoca di sistema ha valenza diversa da quello per mancanza di provvista

In realtà la sua è stata una fortuna: se non le fosse stata revocata l'autorizzazione ad emettere assegni, l'assegno sarebbe stato messo all'incasso. Ben difficilmente la banca avrebbe accettato ed adempiuto, infatti, alla revoca del pagamento di un assegno evidentemente post datato. Anche perché la revoca non ha alcun valore se inviata via fax.

E quindi, in mancanza di provvista sarebbe stato protestato con codice 20.

La denuncia di truffa non le avrebbe evitato il protesto neanche se fosse stata presentata prima.

Non è comunque prevista riabilitazione per codice 17 - Assegno emesso in data posteriore a quella di iscrizione in archivio di sanzioni e divieti comportanti interdizione all'emissione di assegni (articolo10-bis, lettera C., legge 386/90)

10 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...
Assegno emesso senza indicazione della ragione sociale
Quando l'assegno è tratto sul conto intestato alla società senza indicazione della ragione sociale, esso risulta irregolare perché in violazione della norma di cui all'articolo 11 del regio decreto numero 1736/1933, in base alla quale ogni sottoscrizione dell'assegno deve contenere l'indicazione del soggetto giuridico che si obbliga. Secondo l'insegnamento della ...
Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della ...
Assegno protestato » Nessun risarcimento danni al correntista
Nessun risarcimento danni al correntista che cita la banca per il protesto di un assegno Nessun risarcimento del danno per il correntista che emette un assegno, il quale viene successivamente protestato a causa dell'incapienza del conto corrente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 3286/13, ...
Pagamento tardivo dell'assegno - come evitare la revoca di autorizzazione e l'iscrizione in CAI
In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per mancanza di autorizzazione o di provvista, la banca iscrive il nominativo del traente (chi ha emesso l'assegno) nell'archivio CAI. L'iscrizione è effettuata: nel caso di mancanza di autorizzazione, entro il ventesimo giorno dalla presentazione al pagamento ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su protestato per assegno emesso senza autorizzazione. Clicca qui.

Stai leggendo Protestato per assegno emesso senza autorizzazione Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca