Proposta di compensazione del debito - indebitati.it

Proposta di compensazione del debito

ho ricevuto una proposta di compensazione vantando un credito di euro 565,00 con l’agenzia delle entrate a fronte di un mio debito di euro 10.000 circa, vorrei sapere se accetto la compensazione cosa succede?

Procedimento di compensazione del debito

Direi che è stato fortunato. Di solito, come potrà leggere dall’articolo correlato sulla sentenza della CTP di Trento, l’Agenzia delle entrate pretende prima l’estinzione del proprio credito e poi paga il suo debito nei confronti del contribuente.

Con la compensazione, invece, l’importo del rimborso verrà defalcato da quanto lei deve all’erario.

17 Settembre 2012 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Proposta di compensazione volontaria rifiutata - Equitalia minaccia il pignoramento del rimborso presso l'Agenzia delle entrate
Mio padre ha ricevuto un'avviso da Equitalia che a fronte di un debito di 24 mila euro chiedeva il consenso a compensarlo con un credito presso l'agenzia delle entrate di 2 mila e 400 euro. La settimana scorsa mio padre si è recato presso l'ufficio di zona di Equitalia per consegnare il modulo nel quale NEGAVA IL CONSENSO alla proposta di compensazione con il credito di 2.400 euro che l'agenzia dell'entrate ha nei suoi confronti. Io purtroppo non ero presente e lui mi ha riferito quanto segue: quando ho detto all'addetto che non volevo aderire alla compensazione questo ha risposto ...

Rimborso dovuto da Agenzia delle Entrate e compensazione proposta da Equitalia per cartelle esattoriali
In riferimento a questa discussione, mi permetto ancora di chiedere se è meglio rispondere negativamente alla proposta di compensazione da parte di Equitalia, oppure non rispondere affatto. ...

Compensazione dei crediti tributari in presenza di debiti della PA accertati giudizialmente
Nel giudizio di ottemperanza con cui un cittadino richiede nei confronti della pubblica amministrazione il pagamento di un credito accertato giudizialmente l'amministrazione medesima non può eccepire l'esistenza di un proprio credito e, quindi, invocare la compensazione. È, infatti, stato confermato il principio espresso con la sentenza della stessa Suprema Corte numero 30058/2008 secondo cui "La facoltà concessa all'amministrazione finanziaria di sospendere il pagamento di un proprio debito nei confronti del contribuente a garanzia di eventuali crediti vantati a diverso titolo nei confronti di quest’ultimo […] può essere esercitata nel corso del giudizio di cognizione avente ad oggetto l'accertamento della pretesa ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su proposta di compensazione del debito - indebitati.it. Clicca qui.

Stai leggendo Proposta di compensazione del debito - indebitati.it Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)