Privacy: no a voce “pignoramento” su cedolino pensione

Non si può utilizzare la dicitura “pignoramento” sul cedolino della pensione. Si devono utilizzare altre espressioni piu’ rispettose della riservatezza della persona, come formule generiche o codici identificativi. Lo ha affermato il Garante accogliendo il ricorso di un pensionato, invalido civile, che si e’ opposto all’uso da parte dell’ente previdenziale della dicitura “pignoramento” sul cedolino della pensione per indicare una trattenuta che gli veniva operata. L’interessato ha chiesto la sostituzione con espressioni piu’ generiche, tali da non consentire a terzi di venire immediatamente a conoscenza di delicati aspetti della propria sfera privata. Cio’, anche in considerazione del fatto che i cedolini della pensione, essendo spesso presentati per permettere acquisti con agevolazioni fiscali o per richiedere mutui e finanziamenti, possono circolare tra piu’ persone.

Dal canto suo l’istituto di previdenza ha fatto presente che il cedolino della pensione riportava genericamente l’esistenza di una trattenuta per pignoramento senza indicare pero’ la causa (ad esempio per alimenti, tasse o altro); riteneva poi tale riferimento congruo, consentendo proprio ai terzi di valutare la reale situazione patrimoniale e la porzione disponibile della pensione. L’istituto si e’ reso comunque disponibile a utilizzare un’altra formula priva della parola “pignoramento”. Nell’accogliere il ricorso, il Garante ha richiamato il rispetto del principio di pertinenza e non eccedenza: pur ritenendo lecito l’uso di dati necessari a documentare le diverse voci relative alle competenze e alle trattenute in modo tale da consentire al pensionato di verificare l’esattezza della retribuzione, l’Autorita’ ha affermato che le finalita’ di documentazione e di trasparenza possono essere perseguite con metodi che, pur permettendo di individuare l’esistenza della ritenuta, non la descriva nel dettaglio: ad esempio, mediante l’utilizzo di diciture meno specifiche (“trattenute presso terzi”).

29 novembre 2007

29 Novembre 2007 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Privacy: no a voce “pignoramento” su cedolino pensione Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 29 Novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • ANTONINO 16 Marzo 2010 at 22:55

    salve dottore. sono antonino, vi chiedo gentilmente,dato che andrò in pensione per stato di malattia, riformato dall’ospedale militare, ho due trattenute di due cessioni sulla busta paga,posso continuarle a pagare sul cedolino di pensione ogni mese? O mi vengono ritirate dalla liquidazione? Le due cessioni scadranno: 2017// 2021// Grazie distinti saluti