Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale

Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale.

I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati.

I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: coloro che li richiedono, cioè, non hanno l'obbligo di specificare la finalità della somma richiesta.

I prestiti personali per dipendenti prevedono, come forma più comune, la cessione del quinto dello stipendio: secondo questa formula le rate del prestito vengono trattenute direttamente dalla busta paga del richiedente e pagate dal datore di lavoro, che si assume la responsabilità della puntualità e del pagamento.

L'ammontare della trattenuta non può, come indicato anche dal nome "cessione del quinto", superare un quinto dello stipendio del dipendente, cioè il 20% della busta paga netta.

Se il datore di lavoro o l'amministratore sono d'accordo è possibile anche una seconda trattenuta dalla busta paga, che fa così aumentare l'esposizione del debitore fino al 40% del proprio stipendio.

I prestiti per dipendenti sono caratterizzati principalmente da:

  • Importo massimo variabile: dipende dall'età del richiedente, dalla durata del prestito e dallo stipendio percepito;
  • busta paga come unica garanzia;
  • prestito non finalizzato;
  • polizza assicurativa compresa contro il rischio impiego e il rischio vita;
  • possibilità di dilazione fino a 120 mesi;
  • possibilità di estinzione anticipata;
  • possibilità di rinnovare la cessione del quinto.

Dunque, i prestiti per dipendenti si rivolgono ai lavoratori dipendenti perché hanno come garanzia la busta paga.

I destinatari possibili dei prestiti per dipendenti comprendono:

  1. lavoratori dipendenti a tempo indeterminato
  2. lavoratori con contratto di formazione o di apprendistato
  3. lavoratori a tempo determinato

La presenza della busta paga costituisce una forma di garanzia importante per le banche e gli istituti di credito, che quindi possono usare criteri di valutazione più flessibili nell'accettazione delle proposte di prestiti.

Ai lavoratori a tempo indeterminato viene richiesto di dimostrare di lavorare in modo fisso da almeno tre mesi, mentre per chi ha un contratto a tempo determinato, se la banca decide di concedere un prestito, la durata di restituzione del credito potrebbe essere vincolata al periodo del contratto stesso.

I prestiti per dipendenti possono essere richiesti anche da coloro che in passato hanno avuto casi di insolvenza o sono segnalati come soggetti protestati, perché la trattenuta dalla busta paga costituisce anche per loro una garanzia sufficiente per l'accettazione della richiesta.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prestiti per dipendenti » viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. Clicca qui.

Stai leggendo Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 luglio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito - cessione del quinto e delega di pagamento Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca