Prestiti a tasso zero per giovani che vogliono mettersi in proprio

Prestiti a tasso zero per giovani e donne che vogliono mettersi in proprio - Di cosa si tratta

Fissati i criteri e le modalità di concessione degli incentivi a tasso zero dedicati alle donne e ai giovani tra i 18 e i 35 anni di età che vogliono creare nuove imprese. Si tratta di nuove agevolazioni, che puntano a sostenere la nascita e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile: finanziamenti senza interessi, per progetti di investimento fino a 1,5 milioni di euro.

I progetti possono riguardare la produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli o servizi, in tutti i settori, compresi il commercio e il turismo. Particolare rilevanza è riservata alle attività di innovazione sociale, a quelle legate alla filiera turistico-culturale, alle iniziative di valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale.

Possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni le imprese costituite al massimo da 12 mesi. I programmi di investimento approvati saranno finanziati con un mutuo agevolato a tasso zero della durata massima di 8 anni e di importo massimo pari al 75% delle spese ammissibili. Le imprese dovranno quindi garantire la copertura finanziaria della restante parte del programma di investimento con risorse proprie.

Gli investimenti dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento con Invitalia.

Per la presentazione delle domande di agevolazione, si dovrà attendere il prossimo provvedimento del Ministero dello sviluppo economico che indicherà i tempi e le modalità.

Di seguito i criteri e le modalità per la concessione delle agevolazioni volte a sostenere nuova imprenditorialità, in tutto il territorio nazionale, attraverso la creazione di micro e piccole imprese competitive, a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile, e a sostenerne lo sviluppo attraverso migliori condizioni per l’accesso al credito.

Prestiti a tasso zero per giovani e donne che vogliono mettersi in proprio - criteri e modalità per ottenere il finanziamento

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese:

  1. costituite in forma societaria, ivi incluse le società cooperative;
  2. la cui compagine societaria è composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni ovvero da donne;
  3. costituite da non più di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  4. di micro e piccola dimensione, secondo la classificazione contenuta nel decreto del Ministro delle attività produttive 18 aprile 2005.

Ai fini dell’accesso alle agevolazioni, le imprese devono:

  1. essere regolarmente costituite ed essere iscritte nel Registro delle imprese;
  2. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  3. non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea.

Il possesso dei requisiti deve essere dimostrato:

Sono agevolabili, le iniziative che prevedono programmi di investimento non superiori a 1.500.000 euro relativi:

  1. alla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;
  2. alla fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  3. al commercio e al turismo;
  4. alle attività riconducibili anche a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale, intesa come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza; nonché l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative.

I programmi di investimento devono essere realizzati entro ventiquattro mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento pena la revoca delle agevolazioni concesse. Sulla base di motivata richiesta dell’impresa beneficiaria, Invitalia può autorizzare una proroga non superiore a sei mesi.

Sono ammissibili alle agevolazioni le spese necessarie alle finalità del programma di investimento sostenute dall’impresa a decorrere dalla data di presentazione della domanda ovvero dalla data di costituzione della società nel caso in cui la domanda sia presentata da persone fisiche.

Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

  1. suolo aziendale;
  2. fabbricati, opere edili e murarie, comprese le ristrutturazioni;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica;
  4. programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  5. brevetti, licenze e marchi;
  6. formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del progetto;
  7. consulenze specialistiche.

Le agevolazioni assumono la forma di un finanziamento a tasso zero, della durata massima di otto anni e di importo non superiore al settantacinque per cento della spesa ammissibile, restituito dall'impresa beneficiaria, senza interessi, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno.

L’impresa beneficiaria deve garantire la copertura finanziaria del programma di investimento apportando un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico, pari al venticinque per cento delle spese ammissibili complessive.

Le domande di agevolazione sono presentate ad Invitalia, che procede, nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione, all'istruttoria delle domande sulla base di criteri valutazione ben precisi (a ciascuno dei quali è attribuito uno specifico punteggio) come l'adeguatezza e coerenza delle competenze possedute dai soci, per grado di istruzione ovvero pregressa esperienza lavorativa, rispetto alla specifica attività prevista dal piano d’impresa; la capacità dell’iniziativa di presidiare gli aspetti del processo tecnico-produttivo e organizzativo; l'introduzione di soluzioni innovative sotto il profilo organizzativo, produttivo o commerciale; le potenzialità del mercato di riferimento, il vantaggio competitivo dell’iniziativa proponente e le relative strategie di marketing; la sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, con particolare riferimento all'equilibrio e alla coerenza nella composizione interna delle spese ammissibili.

Invitalia comunica tempestivamente e, comunque, entro dieci giorni dalla sua conclusione, l’esito dell’istruttoria al soggetto che ha presentato domanda, richiedendo contestualmente l’eventuale ulteriore documentazione necessaria.

L’erogazione delle agevolazioni avviene su richiesta dell’impresa beneficiaria in non più di tre stati di avanzamento lavori (SAL), il primo dei quali non può essere inferiore al venticinque per cento dei costi ammessi.

12 settembre 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Avvio attività » Come diventare imprenditori utilizzando le agevolazioni statali
Avvio di una nuova attività: nell'articolo analizziamo quali sono beneficiari, condizioni e termini per diventare imprenditori usufruendo delle agevolazioni statali. Anche il Belpaese ha apportato novità in materia di attività imprenditoriale e lavoro per i giovani. Ciò, è stato fatto, introducendo l'offerta di servizi speciali per chi desidera avviare una ...
Investimento pedonale e responsabilità del pedone
Nel caso di investimento pedonale, è esclusa la responsabilità del veicolo investitore quando il pedone si immette improvvisamente sulla strada, rendendo impossibile ogni manovra di emergenza. La Cassazione, con una recentissima sentenza, ha affermato l'esclusiva responsabilità del pedone nel caso in cui quest'ultimo, pur sulle strisce pedonali, aveva attraversato la ...
Giovani genitori disoccupati o precari - Una chance per trovare un lavoro stabile
Il Ministro della Gioventù ha stanziato 51 milioni di euro per la realizzazione di interventi in favore dell'occupazione di soggetti di età non superiore a 35 anni e con figli minori. In pratica, viene erogato un incentivo di 5 mila euro a favore delle imprese che provvedono ad assumere in ...
Avvio variazione e cessazione attività
Quando si intraprende un'attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, il primo passo consiste nel segnalare l'inizio dell'attività al fine di ottenere il numero di Partita Iva (occorre segnalarlo entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società). Il numero di Partita Iva (Articolo 35 del decreto del ...
Agevolazioni mutui giovani » Ora requisiti meno restrittivi
Condizioni per l'accesso al Fondo di Garanzia delle giovani coppie che chiedono un mutuo per la prima casa: dal 21 settembre 2013 i requisiti di accesso a tali agevolazioni sono stati modificati così da consentire a più soggetti che vogliano acquistare un'abitazione di avere un finanziamento che, teoricamente, dovrebbe venire ...

Spunti di discussione dal forum

Credito a sofferenza per società di capitali – Dalla consultazione del registro imprese emergono anche i nomi di soci ed amministratori?
Volevo gentilmente richiedere se l'eventuale accesso alla banca ai dati del registro imprese da cui si possano desumere gli amministratori è retroattivo fino al momento dell' accensione del mutuo o si limita a verificare gli amministratori nel momento di messa in insolvenza. E in ogni caso se la banca operasse…
Cartella Invitalia rimborso fondo perduto
Ho ricevuto una cartella di Invitalia con una richiesta di riscossione per un totale di 22 mila e 597,34 euro. Nel 2004 ho ottenuto un finanziamento da Sviluppo Italia che stanziava fondi, in parte a fondo perduto, per aprire piccole attività. Dopo aver ricevuto i finanziamenti e aperto l'attività, li…
Agevolazioni fiscali per ricercatori e studenti – Posso fruirne anche essendo collocata in aspettativa?
Io risiedo nel Regno Unito, nel quale svolgo il lavoro di professore universitario a partire da Marzo 2015: inoltre, sono collocata in aspettativa, fino a settembre 2018, dall'Università italiana, dove ho ricoperto il ruolo di professore ordinario. Volendo rientrare in Italia nel corso dell'anno 2018, al fine di riprendere l'attività…
Chiusura SRL semplificata con debito con il fisco
Siamo un gruppo di tre soci, e abbiamo aperto circa sei mesi addietro una srl semplificata (servizi alle imprese, consulenza e procacciatori di affari, ed import/export di prodotti dall'Asia). Purtroppo per problemi sorti all'interno tra i soci si sta decidendo di chiudere la societa’, ed a causa anche di investimenti…
Recesso anticipato contatto Invitalia
Ho ricevuto un finanziamento da Invitalia per l'apertura di un franchising. Come già descritto in un precedente topic sono stato abbandonato da una persona a me molto vicina che doveva fiancheggiarmi economicamente. Se chiudo il negozio e partita iva anticipatamente ai 5 anni del contratto di finanziamento posso incorrere in…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prestiti a tasso zero per giovani che vogliono mettersi in proprio. Clicca qui.

Stai leggendo Prestiti a tasso zero per giovani che vogliono mettersi in proprio Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 12 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info