Prescrizione del tributo e cartella esattoriale non impugnata

Il Codice civile (articolo 2953) stabilisce che i diritti per i quali la legge prevede una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, si prescrivono con il decorso di dieci anni.

La scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l’effetto sostanziale dell’irrevocabilità del credito, ma non determina la`conversione del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale.

Il principio si applica con riguardo a tutti gli atti di riscossione mediante ruolo, di modo che, ove per i relativi crediti sia prevista una prescrizione più breve di quella ordinaria, la sola scadenza del termine concesso al debitore per proporre l’opposizione, non consente la conversione del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale, tranne che in presenza di un titolo giudiziale divenuto definitivo.

In particolare, in riferimento ad una cartella esattoriale originata dall’omesso o insufficiente pagamento della tassa automobilistica, la mancata impugnazione della stessa non determina la conversione del termine di prescrizione triennale (articolo 5 comma 51 del decreto legge 953/1982) nel termine ordinario di prescrizione decennale.

Si tratta di un principio di diritto consolidato nella giurisprudenza di legittimità e ribadito dai giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 20425/2017.

7 Settembre 2017 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La prescrizione della cartella esattoriale resta triennale per la tassa automobilistica e quinquennale per i tributi locali e i contributi previdenziali
I contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali non versati dal debitore sono iscritti in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento. In caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre dalla data di conoscenza, da parte dell'ente. I contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali in forza di accertamenti effettuati dagli uffici, sono iscritti in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell'anno successivo alla data di notifica del provvedimento ovvero, per quelli sottoposti a ...

Prescrizione quinquennale e prescrizione decennale della cartella esattoriale
Per la cartella esattoriale può intervenire una prescrizione quinquennale (prescrizione breve) ed una decennale (prescrizione lunga). La Corte di Cassazione ha avuto modo di rilevare che la cartella di pagamento è un atto amministrativo che risulta privo dell'attitudine a modificare il termine di prescrizione  con la conseguenza che il precedente termine prescrizionale di cinque anni ricomincia nuovamente a decorrere dalla notifica della cartella (sentenza della Corte di Cassazione numero 12263 del 25/05/2007). Una eccezione è però rappresentata dalla cartella esattoriale emessa per la riscossione dei crediti  erariali. Secondo la Cassazione, infatti, i crediti erariali non possono considerarsi “prestazioni periodiche”, in ...

Prescritto il credito esattoriale preteso con avviso di intimazione al pagamento inviato al debitore dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale
Il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irrevocabilità del credito, ma non anche la cosiddetta conversione del termine di prescrizione breve, eventualmente previsto, in quello ordinario decennale. Tale principio si applica con riguardo a tutti gli atti di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva di crediti degli enti previdenziali, ovvero di crediti relativi ad entrate dello Stato, tributarie ed extratributarie, nonché di crediti delle Regioni, delle Province, dei Comuni e degli altri ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione del tributo e cartella esattoriale non impugnata. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione del tributo e cartella esattoriale non impugnata Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 7 Settembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 3 Dicembre 2018 Classificato nella categoria bollo auto prescrizione e decadenza Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • desertoarido 24 Gennaio 2018 at 16:47

    Nel settembre 2016 mia moglie ha richiesto e ottenuto, in quanto erede, da Agenzia Entrate lo sgravio parziale su sanzioni di una cartella esattoriale intestata al defunto padre. Prima domanda: tale provvedimento di sgravio parziale interrompe i termini di prescrizione ordinaria o breve della cartella originaria? Se sì quale e’ la giurisprudenza di riferimento? Preciso che mia moglie successivamente al provvedimento di sgravio non ha mai ricevuto una nuova cartella esattoriale con nuovo importo sgravato, né ha pagato alcunché dell’importo sgravato.

    Successivamente mia moglie ha richiesto in autotutela lo sgravio totale della cartella esattoriale originaria, con la motivazione che la stessa era stata inviata a soggetto inesistente (defunto)e che i termini di prescrizione breve (Cass.23397) erano trascorsi. Equitalia ha risposto che la prescrizione ordinaria non era compiuta, sull’altra motivazione non ha detto niente. Significa che Equitalia non considera la prescrizione breve applicabile a questo caso? Il provvedimento di sgravio parziale concesso ha interrotto i termini della prescrizione breve? Ho letto da qualche parte che il semplice riconteggio come nel nostro caso non interrompe i termini di prescrizione sia essa breve o ordinaria.

    • Simone di Saintjust 24 Gennaio 2018 at 21:07

      Con la richiesta sottoscritta di sgravio delle sanzioni per ritardato pagamento esposte in cartella esattoriale sua moglie ha implicitamente ammesso di essere erede del de cuius e come tale obbligata a versare quanto Agenzia delle Entrate richiedeva al defunto. Dalla data in cui veniva comunicato a sua moglie l’accettazione dell’istanza di sgravio è decorso il termine per la notifica della cartella esattoriale ricalcolata senza sanzioni (che potrebbe essere stata notificata all’erede anche per compiuta giacenza presso l’ufficio postale). Non è ammesso, dopo aver sottoscritto una richiesta di sgravio parziale, peraltro accordata, eccepire vizi di merito della cartella esattoriale originaria, anche solo in via amministrativa (autotutela).