Prescrizione della multa e notifica della cartella esattoriale

In tema di sanzioni amministrative, la consegna, all’ufficiale giudiziario (o al servizio postale) di un atto successivo al verbale di accertamento, non è idonea ad interrompere il decorso del termine di prescrizione quinquennale del diritto alla riscossione previsto dall’articolo 28 della legge 689/1981.

Infatti, il principio generale, secondo il quale, indipendentemente dalla modalità di trasmissione, la notifica di un atto si intende perfezionata, dal lato del richiedente, con l’affidamento dell’atto all’ufficiale giudiziario (o all’ufficio postale) non si estende all’ipotesi di estinzione del diritto per prescrizione, dal momento che, affinché l’atto produca l’effetto interruttivo del termine prescrizionale, è necessario che lo stesso sia giunto alla conoscenza del destinatario.

Va ricordato che la regola della scissione degli effetti della notifica per il notificante e per il destinatario, è stata sancita dalla giurisprudenza costituzionale con riguardo esclusivo ai termini di decadenza, mentre in ogni altra ipotesi (ad esempio ai soli fini interruttivi dei termini di prescrizione) tale effetto si produce solo quando l’atto perviene all’indirizzo del destinatario.

In altre parole, resta fermo il principio secondo il quale, in riferimento al termine quinquennale di decadenza, la notifica della sanzione amministrativa si perfeziona alla data di consegna del verbale all’ufficiale giudiziario o al servizio postale.

Tuttavia, qualora il verbale risulti già notificato nei termini di decadenza e non sia stato esercitato il diritto alla riscossione a partire dalla data di notifica dello stesso, il successivo atto (ordinanza ingiunzione o cartella esattoriale) consegnato all’ufficiale giudiziario, o all’ufficio postale, prima dello spirare del quinquennio non è idoneo a interrompere la prescrizione qualora pervenga al destinatario dopo lo spirare dei cinque anni.

Quanto finora esposto rappresenta la sintesi del contenuto della sentenza della Corte di cassazione 19143/2017.

29 Agosto 2017 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Atto trasmesso tramite servizio di posta privata - La notifica è nulla ed in ogni caso si perfeziona con la data di consegna del plico al destinatario
Il decreto legislativo 261/1999 (articoli 1 e 4) esclude che i servizi inerenti le notifiche postali di verbali di infrazione al Codice della strada, di cartelle esattoriali e, in genere, di atti giudiziari e sanzioni amministrative, possano essere affidati a soggetti diversi da Poste Italiane. Qualora l'atto venga trasmesso al destinatario tramite un servizio di posta privata, la notifica è da ritenersi affetta da vizio di nullità, dal momento che le attestazioni redatte dagli incaricati di un servizio di posta privata non sono assistite dalla funzione probatoria che la normativa vigente ricollega alla nozione di invii raccomandati. In ogni caso, ...

Sanzioni amministrative » La scissione degli effetti della notifica tra notificante e destinatario
La scissione degli effetti della notifica, a seguito della sentenza della Corte costituzionale 447/2002, trova applicazione anche alla notifica del verbale di contestazione della sanzione amministrativa in materia di violazioni del codice della strada. La sentenza 477/2002 della Corte costituzionale ha affermato il principio secondo il quale gli effetti della notifica debbono essere ricollegati, per quanto riguarda il notificante, al solo compimento delle formalità a lui direttamente imposte dalla legge (essendo l'attività degli organi della notifica sottratti alla sua sfera di disponibilità). Gli effetti della notifica, per il notificante, si producono dal compimento delle formalità a lui imposte dalla legge. ...

Consegna di una sanzione amministrativa a mezzo servizio postale nelle mani di un convivente del destinatario - I giudici di legittimità offrono un ripasso della procedura
Il procedimento di notifica delle sanzioni amministrative ricalca le modalità previste dal codice di procedura civile, ovvero si realizza, via posta, secondo le norme sulle notifiche effettuate a mezzo del servizio postale di cui alla legge 890/1982. L'agente postale consegna il piego nelle mani proprie del destinatario, ma se la consegna non può essere fatta personalmente al destinatario, il piego è consegnato, nel luogo indicato sulla busta che contiene l'atto da notificare, a persona di famiglia che conviva anche temporaneamente con il destinatario ovvero addetta alla casa ovvero al servizio del destinatario, purché il consegnatario non sia persona manifestamente affetta ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione della multa e notifica della cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione della multa e notifica della cartella esattoriale Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 29 Agosto 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Aprile 2019 Classificato nella categoria contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)