Indice del post la prescrizione decennale del conto corrente decorre dalla chiusura

Anatocismo interessi in conto corrente – la prescrizione decennale decorre dalla chiusura del conto

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione tentano di far calare il sipario su di una problematica, quella dell'anatocismo (ovvero la capitalizzazione degli interessi allo scopo di renderli alla loro volta produttivi di altri interessi) ribadendo  che la clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi corrisponde ad un uso negoziale imposto al correntista e non ad un uso normativo, con conseguente impossibilità di derogare alla regola. Precisano, nella motivazione della decisione, come la giurisprudenza già in passato avesse avuto occasione di affermare che il termine di prescrizione decennale per il reclamo delle somme trattenute dalla banca indebitamente, a titolo di interessi [ ... leggi tutto » ]

Il termine prescrizionale per anatocismo interessi in conto corrente secondo la Cassazione

Ed in effetti già nel 1984 la Cassazione aveva affermato che il momento iniziale del termine prescrizionale decennale per il reclamo delle somme indebitamente trattenute dalla banca a titolo di interessi decorre dalla chiusura definitiva del rapporto, ove siano previste più prestazioni del mandatario e qualora le parti non abbiano pattuito diversamente.  In particolare, i giudici precisavano che i contratti bancari di credito, con esecuzione ripetuta di più prestazioni, sono contratti unitari, che danno luogo ad un unico rapporto giuridico, anche se articolato in una pluralità di atti esecutivi; perciò la serie successiva di versamenti, prelievi ed accreditamenti non [ ... leggi tutto » ]

Il termine prescrizionale per anatocismo interessi in conto corrente secondo il Milleproroghe 2011

Il recentissimo decreto Milleproroghe - convertito con la legge numero 10/2011 del 26 febbraio 2011 - prova a tendere un salvagente al sistema bancario in relazione alle situazioni pregresse, stabilendo che la decorrenza del termine prescrizionale, per esercitare il diritto a  richiedere  il pagamento degli interessi  non dovuti, parte dal momento dell'annotazione contabile. Il decreto Milleproroghe, dunque, sembrerebbe annientare la posizione di vantaggio che i clienti avevano maturato nei confronti delle banche per effetto della decisione in esame. Se dunque, per le ragioni già specificate, la Cassazione aveva affermato che il termine prescrizionale di dieci anni dovesse decorrere dal [ ... leggi tutto » ]

La nozione di pagamento ex articolo 2033 del codice civile

Infatti, la chiarezza della motivazione in ordine alla nozione di pagamento fa sì che la previsione del mille proroghe circa la decorrenza del termine prescrizionale “dal momento dell'annotazione” sia del tutto inidonea ad impedire il meccanismo ex articolo 2033 del codice civile. Se la ratio posta a fondamento della norma, da ultimo richiamata, è proprio quella di apprestare un rimedio giuridico completo per tutte le situazioni in cui un’attribuzione patrimoniale sia stata eseguita senza una giustificata ragione, è del tutto ovvio che sino alla chiusura del conto, e nei limiti dell'affidamento, non ci sia alcun adempimento in senso tecnico giuridico. [ ... leggi tutto » ]

I versamenti in conto corrente non sono pagamenti ex articolo 2033 del codice civile

Con molta probabilità sarà sfuggito, nella redazione del testo normativo, il contenuto della decisione delle Sezioni Unite che chiarisce un ulteriore aspetto della questione circa le ipotesi in cui, durante lo svolgimento del rapporto, il correntista abbia effettuato non solo prelevamenti ma anche versamenti, laddove questi ultimi possano essere considerati alla stregua di pagamenti, tali da formare oggetto di ripetizione (ove risultino indebiti), in quanto abbiano avuto lo scopo e l'effetto di uno spostamento patrimoniale in favore della banca. Per le Sezioni Unite, infatti, tutte le volte in cui i versamenti in conto non superino il passivo ed in [ ... leggi tutto » ]

Corte Costituzionale - illegittima la norma che fa partire la prescrizione decennale per anatocismo interessi dall'annotazione in conto corrente

la Corte Costituzionale, con sentenza del 5 aprile 2012, numero 78, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell'articolo 2, co. 61, del d.l. 29 dicembre 2010, numero 225, conv. con modif. dalla legge 26 febbraio 2011, numero 10. La norma citata stabilisce che, in ordine alle operazioni bancarie regolate in conto corrente, l’articolo 2935 del codice civile si interpreta nel senso che la prescrizione relativa ai diritti nascenti dall'annotazione in conto inizia a decorrere dal giorno dell'annotazione stessa; e che, in ogni caso, non si fa luogo alla restituzione di importi già versati alla data di entrata in vigore della legge. [ ... leggi tutto » ]

12 marzo 2011 · Simonetta Folliero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post la prescrizione decennale del conto corrente decorre dalla chiusura. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post La prescrizione decennale del conto corrente decorre dalla chiusura Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 12 marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria prescrizione diritti collegati a contratti di mutuo e di prestito - anatocismo interessi e conti correnti Inserito nella sezione prescrizione dei debiti.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca