La decadenza e la prescrizione dei tributi locali sono regolate dalla legge 296/2006 (legge finanziaria 2007)

La decadenza e la prescrizione dei tributi locali sono regolate dalla legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) ed in particolare dai commi che vanno dal 161 al 170 dell'articolo 1.

Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonchè all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la decadenza e la prescrizione dei tributi locali sono regolate dalla legge 296/2006 (legge finanziaria 2007). Clicca qui.

Stai leggendo La decadenza e la prescrizione dei tributi locali sono regolate dalla legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 2 giugno 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 21 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Ludmilla Karadzic 9 dicembre 2016 at 16:08

    Articolo 161 legge 296/2006 – Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonche’ all’accertamento d’ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie, a norma degli articoli 16 e 17 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, e successive modificazioni.

  • bertofa 9 dicembre 2016 at 12:08

    “IL termine di decadenza si riferisce al pagamento dell’importo dovuto e non alla eventuale rata semestrale.”: grazie della risposta. Ne prendo atto :-(

    Potrebbe dirmi, per curiosità, in base a quale principio o norma ci si rifersice all’importo e non alla singola rata?

  • bertofa 29 novembre 2016 at 13:02

    Ho ricevuto un avviso di accertamento relativo all’IMU dell’anno 2011 per omesso pagamento totale. Visto che i versamenti in questione previsti erano due – entro il 16 giugno ed entro il 16 dicembre – e che mi è stato recapitato un unico avviso, a novembre di quest’anno, posso eccepire la prescrizione del primo versamento (quello da effettuarsi entro il 16 giugno)?

    Vale a dire: si può distinguere il profilo decadenziale dell’avviso da quello prescrittivo inerente l’oggetto dell’accertamento? E’ sostenibile la tesi della ricevibilità dell’avviso sì, ma non completamente efficace?

    O vedete qualche altra strada?

    • Simone di Saintjust 29 novembre 2016 at 13:56

      IL termine di decadenza si riferisce al pagamento dell’importo dovuto e non alla eventuale rata semestrale.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca