Riscossione dei tributi mediante formazione dei ruoli, tramite accertamento immediatamente esecutivo e con ingiunzione fiscale

In questo articolo tenteremo di generalizzare e semplificare i concetti di decadenza e prescrizione in ambito tributario (imposte e tasse) laddove, naturalmente, il creditore è la Pubblica Amministrazione (centrale, regionale o locale) cui è riservata l'attività di accertamento.

Per rendere più chiari gli aspetti del problema conviene innanzitutto distinguere fra tre differenti tipologie di procedure di riscossione del credito tributario: la riscossione mediante ruoli, quella che prevede l'accertamento immediatamente esecutivo (Agenzia delle entrate a partire dal 1° ottobre 2011, relativamente ai periodi d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2007 e successivi) ed infine la riscossione attraverso l'ingiunzione fiscale.

Per tutte le procedure di riscossione del credito tributario i termini di prescrizione del titolo esecutivo (sia esso l'accertamento immediatamente esecutivo, la cartella esattoriale/di pagamento o l'ingiunzione fiscale) non presentato differenze significative e, pertanto, l'argomento verrà trattato unitariamente.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riscossione dei tributi mediante formazione dei ruoli, tramite accertamento immediatamente esecutivo e con ingiunzione fiscale. Clicca qui.

Stai leggendo Riscossione dei tributi mediante formazione dei ruoli, tramite accertamento immediatamente esecutivo e con ingiunzione fiscale Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 13 gennaio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 27 marzo 2019 Classificato nella categoria bollo auto prescrizione e decadenza Inserito nella sezione prescrizione dei debiti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 9 maggio 2019 at 17:34

    La Regione Marche richiede un pagamento di un bollo auto relativo all’anno 2014 (maggio 2014/aprile 2015) con notifica maggio 2019. Essendo passati oltre i tre anni previsti, la tassa dovrebbe essere prescritta ma, nella richiesta, fanno riferimento alla sospensione termini di prescrizione e decadenza relativi all’attività degli Enti creditori fino al 1 gennaio 2020 (Art.11, comma 2, del D.L. n.8 del 9 febbraio 2017, convertito in legge, con modificazioni, dall’art.1, comma 1, della L.7 aprile 2017 n.45, e ss.mm.ii.) per le popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017.
    In questo caso la prescrizione è temporaneamente sospesa e quindi il debito rimane? Grazie.

    • Annapaola Ferri 9 maggio 2019 at 17:49

      Si, praticamente gli enti creditori della Pubblica Amministrazione hanno sfruttato il sisma per concedersi un biennio in più di prescrizione e decadenza per la tassa automobilistica.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca