Prescrizione debiti sempre rilevabile d'ufficio in giudizio

Grava sulla parte che eccepisce la prescrizione estintiva solamente l’onere di allegare l’inerzia del titolare del diritto dedotto in giudizio e di manifestare la volontà di avvalersene, non anche di tipizzare l’eccezione specificando a quale tra le previste prescrizioni, diverse per durata, intenda riferirsi, spettando al giudice stabilire se, in relazione al diritto applicabile al caso, l’eccepita estinzione si sia verificata.

Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione nell’ordinanza 27889/2017.

26 Novembre 2017 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal creditore, comporta il rigetto dell'eccezione di prescrizione. In particolare, l'accoglimento dell'eccezione di prescrizione presuntiva è preclusa in tutte le ipotesi in cui il debitore ammetta di non aver estinto il debito ovvero contesti, anche per implicito, l'entità della somma richiesta, circostanza, quest'ultima, implicante, in ogni caso, il riconoscimento della sia ...

Atto di precetto e di pignoramento - Interruzione e sospensione della prescrizione
L'atto di precetto, contenendo un'intimazione ad adempiere rivolta al debitore (con conseguente messa in mora di quest'ultimo), produce un effetto interruttivo della prescrizione del relativo diritto di credito a carattere istantaneo, sicché, verificatosi tale effetto, inizia a decorrere, dalla data della sua notifica, un nuovo periodo di prescrizione e (articoli del codice vivile 2943, comma terzo e 2945, comma primo). L'atto di pignoramento determina un effetto tanto interruttivo, quanto sospensivo della prescrizione stessa, come disposto dall'articolo 2943 codice civile comma primo, poiché ad esso consegue l'introduzione di un giudizio di esecuzione tutte le volte in cui l'atto di pignoramento risulti ...

La prescrizione presuntiva triennale per i compensi richiesti dal professionista - Affinché l'eccezione possa essere accolta il debitore non deve ammettere il mancato pagamento o contestare il quantum della pretesa
Va sempre premesso che l'eccezione triennale di prescrizione presuntiva è incompatibile con qualsiasi comportamento del debitore da cui si deduca, anche implicitamente, l'ammissione in giudizio che l'obbligazione non è stata estinta, e tale situazione ricorre anche nel caso in cui il debitore neghi l'esistenza del credito oggetto della domanda ovvero eccepisca che il credito non sia sorto, comportando detta contestazione l'implicita ammissione che l'obbligazione non è stata estinta. Anche la contestazione, da parte del presunto debitore, del quantum della pretesa contro di lui azionata implica l'ammissione della mancata estinzione dell'obbligazione e, pertanto, comporta, ai sensi dell'articolo 2959 del codice civile, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione debiti sempre rilevabile d'ufficio in giudizio. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione debiti sempre rilevabile d'ufficio in giudizio Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 26 Novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 26 Novembre 2017 Classificato nella categoria prescrizione in genere e prescrizione presuntiva Inserito nella sezione prescrizione dei debiti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Filippo1971 28 Novembre 2017 at 07:36

    Può capitare che in udienza il giudice può abbassare la somma per un pignoramento in busta paga?

    • Annapaola Ferri 28 Novembre 2017 at 09:54

      Il giudice deve decidere in base alle disposizioni di legge, e può quindi stabilire per il prelievo destinato a servire il rimborso della pretesa vantata dal creditore procedente una quota minore del 20% (parliamo di debiti di natura ordinaria) dello stipendio netto del debitore se, e solo se, ricorrono i presupposti di cui all’articolo 545 del codice di procedura civile (oppure sanciti da altre leggi speciali applicabili). Lei capisce bene, che il giudice non può agire spinto da considerazioni personali a fronte della eventuale, disastrata, condizione economica in cui versa il debitore, dal momento che il rimborso non riguarda lui, ma il creditore procedente, il quale, a sua volta, potrebbe anche impugnare il provvedimento se ravvisasse disposizioni non conformi alla normativa vigente.

  • Filippo1971 27 Novembre 2017 at 09:18

    Buongiono posso richiedere la prescrizione estintiva del debito ?

    • Annapaola Ferri 27 Novembre 2017 at 10:27

      Certamente: in questo caso, però, è meglio farsi accompagnare da un avvocato.

  • Filippo1971 27 Novembre 2017 at 08:39

    Buongiorno la domanda è ,sono chiamato in tribunale per quanto riguarda il pignoramento dello stipendio fatto perché a suo tempo non sono più riuscito a pagare le rate di due prestiti uno all’Agos intestato a mio padre morto 3 anni fa io risulto coobligato ho fatto richiesta del contratto mandando anche certificato di morte non mi hanno spedito niente.

    Altro prestito alla Consumit della Banca Mps a mio nome anche qui ho fatto richiesta nessuno mi invia il contratto, non vorrei che non li spediscono perché non sono regolari.

    • Annapaola Ferri 27 Novembre 2017 at 10:31

      Suppongo che lei abbia conservato l’attestato delle raccomandate A/R con cui ha inutilmente chiesto copia dei contratti di prestito. Comunque, anche in relazione alle precedenti domande, se lei ha intenzione di eccepire la prescrizione della pretesa e lamentare di non aver potuto prendere visione dei contratti di prestito sottoscritti da suo padre defunto, allora, in udienza, deve assolutamente farsi assistere da un avvocato.

  • Filippo1971 27 Novembre 2017 at 08:06

    Buongiorno è meglio che mi presenti in tribunale con un avvocato, o non serve?

    • Simone di Saintjust 27 Novembre 2017 at 08:19

      Il pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro è ormai una procedura consolidata e chiara. Credo che se il debitore non ha situazioni particolari, come ritenute stabilite in sede di separazione e prelevate alla fonte, la presenza di un legale si tradurrebbe solo in ulteriori spese.

  • Filippo1971 27 Novembre 2017 at 08:05

    Buongiorno perché ho richiesto i contratti di prestito e non me li spediscono dopo aver chiamato e seguito le loro istruzioni

    • Simone di Saintjust 27 Novembre 2017 at 08:21

      Questa domanda dovrebbe essere maggiormente dettagliata perché si possa rispondere: purtroppo, dal contenuto del quesito non riusciamo a comprendere bene i termini del problema.

  • Filippo1971 27 Novembre 2017 at 08:00

    Buongiorno ,il 20 dicembre devo andare in tribunale per atto di pignoramento sulla busta paga
    1) è possibile che prima dell’udienza mi abbiano già fatto pignoramento
    2) come posso fare per farmi abbassare o bloccare pignoramento.

    • Simone di Saintjust 27 Novembre 2017 at 08:13

      Prima che venga stabilita la quota di prelievo e dopo la notifica del pignoramento, il datore di lavoro deve accantonare comunque una parte dello stipendio: a posteriori, la parte accantonata in eccesso, rispetto a quanto stabilito dal giudice, verrà restituita al debitore. Il giudice, dopo essere stato informato dal datore di lavoro circa la struttura della retribuzione erogata al debitore sottoposto ad azione esecutiva, decide sulla base dell’articolo 545 del codice di procedura civile. Purtroppo c’è poco, o niente, su cui il debitore possa intervenire.