Il debitore deve solo manifestare di volersi avvalere della prescrizione estintiva del debito senza specificane tipo e durata - Il giudice decide se la prescrizione è applicabile

Grava sulla parte che eccepisce la prescrizione estintiva solamente l'onere di allegare l'inerzia del titolare del diritto dedotto in giudizio e di manifestare la volontà di avvalersene, non anche di tipizzare l'eccezione specificando a quale tra le previste prescrizioni, diverse per durata, intenda riferirsi, spettando al giudice stabilire se, in relazione al diritto applicabile al caso, l'eccepita estinzione si sia verificata.

Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione nell'ordinanza 27889/2017.

26 novembre 2017 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal [ ... leggi tutto » ]
Effetti interruttivi della prescrizione - Possono emergere anche da una trattativa stragiudiziale fra creditore e debitore
Qualora ad un formale ed inequivoco atto di costituzione in mora faccia seguito una trattativa seria, articolata e specifica, diretta a risolvere stragiudizialmente la controversia, non vi è dubbio che il creditore persista nell'esercizio del suo diritto e che il debitore sia altrettanto inequivocabilmente avvertito della serietà dell'avversaria pretesa. Il [ ... leggi tutto » ]
Il fideiussore è liberato anche se il debitore principale estingue il debito per cui la garanzia è stata concessa con un ulteriore prestito di ristrutturazione erogato dal creditore garantito
In difetto di diversa specificazione nel contenuto contrattuale, che il creditore garantito è tenuto a documentare adeguatamente, non rileva che il formale pagamento con cui l'obbligazione è stata estinta dal debitore principale sia dovuto alla messa a disposizione di altre liquidità o disponibilità da parte dello stesso creditore originario, il [ ... leggi tutto » ]
Ai fini della prescrizione di una sanzione amministrativa la notifica della cartella esattoriale si perfeziona solo al momento in cui l'atto perviene all'indirizzo del destinatario e non con la consegna all'ufficio postale
In tema di sanzioni amministrative, la consegna, all'ufficiale giudiziario (o al servizio postale) di un atto successivo al verbale di accertamento, non è idonea ad interrompere il decorso del termine di prescrizione quinquennale del diritto alla riscossione previsto dall'articolo 28 della legge 689/1981. Infatti, il principio generale, secondo il quale, [ ... leggi tutto » ]
Cartella esattoriale non impugnata - La prescrizione breve del tributo si converte nel termine decennale solo in presenza di sentenza definitiva
Il Codice civile (articolo 2953) stabilisce che i diritti per i quali la legge prevede una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, si prescrivono con il decorso di dieci anni. La scadenza del termine perentorio sancito per opporsi [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il debitore deve solo manifestare di volersi avvalere della prescrizione estintiva del debito senza specificane tipo e durata - il giudice decide se la prescrizione è applicabile. Clicca qui.

Stai leggendo Il debitore deve solo manifestare di volersi avvalere della prescrizione estintiva del debito senza specificane tipo e durata - Il giudice decide se la prescrizione è applicabile Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 26 novembre 2017 Classificato nella categoria prescrizione in genere e prescrizione presuntiva Inserito nella sezione prescrizione dei debiti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Filippo1971 28 novembre 2017 at 07:36

    Può capitare che in udienza il giudice può abbassare la somma per un pignoramento in busta paga?

    • Annapaola Ferri 28 novembre 2017 at 09:54

      Il giudice deve decidere in base alle disposizioni di legge, e può quindi stabilire per il prelievo destinato a servire il rimborso della pretesa vantata dal creditore procedente una quota minore del 20% (parliamo di debiti di natura ordinaria) dello stipendio netto del debitore se, e solo se, ricorrono i presupposti di cui all’articolo 545 del codice di procedura civile (oppure sanciti da altre leggi speciali applicabili). Lei capisce bene, che il giudice non può agire spinto da considerazioni personali a fronte della eventuale, disastrata, condizione economica in cui versa il debitore, dal momento che il rimborso non riguarda lui, ma il creditore procedente, il quale, a sua volta, potrebbe anche impugnare il provvedimento se ravvisasse disposizioni non conformi alla normativa vigente.

  • Filippo1971 27 novembre 2017 at 09:18

    Buongiono posso richiedere la prescrizione estintiva del debito ?

    • Annapaola Ferri 27 novembre 2017 at 10:27

      Certamente: in questo caso, però, è meglio farsi accompagnare da un avvocato.

  • Filippo1971 27 novembre 2017 at 08:39

    Buongiorno la domanda è ,sono chiamato in tribunale per quanto riguarda il pignoramento dello stipendio fatto perché a suo tempo non sono più riuscito a pagare le rate di due prestiti uno all’Agos intestato a mio padre morto 3 anni fa io risulto coobligato ho fatto richiesta del contratto mandando anche certificato di morte non mi hanno spedito niente.

    Altro prestito alla Consumit della Banca Mps a mio nome anche qui ho fatto richiesta nessuno mi invia il contratto, non vorrei che non li spediscono perché non sono regolari.

    • Annapaola Ferri 27 novembre 2017 at 10:31

      Suppongo che lei abbia conservato l’attestato delle raccomandate A/R con cui ha inutilmente chiesto copia dei contratti di prestito. Comunque, anche in relazione alle precedenti domande, se lei ha intenzione di eccepire la prescrizione della pretesa e lamentare di non aver potuto prendere visione dei contratti di prestito sottoscritti da suo padre defunto, allora, in udienza, deve assolutamente farsi assistere da un avvocato.

  • Filippo1971 27 novembre 2017 at 08:06

    Buongiorno è meglio che mi presenti in tribunale con un avvocato, o non serve?

    • Simone di Saintjust 27 novembre 2017 at 08:19

      Il pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro è ormai una procedura consolidata e chiara. Credo che se il debitore non ha situazioni particolari, come ritenute stabilite in sede di separazione e prelevate alla fonte, la presenza di un legale si tradurrebbe solo in ulteriori spese.

  • Filippo1971 27 novembre 2017 at 08:05

    Buongiorno perché ho richiesto i contratti di prestito e non me li spediscono dopo aver chiamato e seguito le loro istruzioni

    • Simone di Saintjust 27 novembre 2017 at 08:21

      Questa domanda dovrebbe essere maggiormente dettagliata perché si possa rispondere: purtroppo, dal contenuto del quesito non riusciamo a comprendere bene i termini del problema.

  • Filippo1971 27 novembre 2017 at 08:00

    Buongiorno ,il 20 dicembre devo andare in tribunale per atto di pignoramento sulla busta paga
    1) è possibile che prima dell’udienza mi abbiano già fatto pignoramento
    2) come posso fare per farmi abbassare o bloccare pignoramento.

    • Simone di Saintjust 27 novembre 2017 at 08:13

      Prima che venga stabilita la quota di prelievo e dopo la notifica del pignoramento, il datore di lavoro deve accantonare comunque una parte dello stipendio: a posteriori, la parte accantonata in eccesso, rispetto a quanto stabilito dal giudice, verrà restituita al debitore. Il giudice, dopo essere stato informato dal datore di lavoro circa la struttura della retribuzione erogata al debitore sottoposto ad azione esecutiva, decide sulla base dell’articolo 545 del codice di procedura civile. Purtroppo c’è poco, o niente, su cui il debitore possa intervenire.

Altre info