Prescrizione dei crediti previdenziali - è rilevabile d'ufficio dal giudice

La prescrizione dei crediti previdenziali è regolata dall'articolo 3, comma 9, della Legge numero 335/1995, secondo cui: "Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono e non possono essere versate con il decorso dei termini di seguito indicati:

a) dieci anni per le contribuzioni di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie, compreso il contributo di solidarietà, previsto dall'articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 29 marzo 1991, numero 103, convertito con modificazioni della legge 1 giugno 1991, numero 166, ed esclusa ogni aliquota di contribuzione aggiuntiva non devoluta alle gestioni pensionistiche. A decorrere dall'1 gennaio 1996 tale termine è ridotto a cinque anni salvi i casi di denuncia del lavoratore o dei suoi superstiti;

b) cinque anni per tutte le altre contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria".

Questo vuol dire che, in deroga ai principi generali in materia di prescrizione (secondo cui l'eventuale pagamento di un debito prescritto si considera come rinuncia alla prescrizione; non si può quindi chiedere la restituzione di quanto pagato), in materia previdenziale ed assistenziale la prescrizione non è rinunciabile: essa ha efficacia "estintiva" ed è rilevabile d'ufficio.

L'eccezione di prescrizione, quindi, non è soggetta al termine decadenziale di quaranta giorni, decorrenti dalla notifica della cartella esattoriale, ai sensi dell'articolo 24 del Decreto Legislativo numero 46/1999

Al riguardo la Cassazione afferma che "nella materia previdenziale, a differenza di quella civile, il regime della prescrizione già maturata è sottratto alla disponibilità delle parti, siccome esplicitamente stabilito dalla Legge 8 agosto 1995, numero 335, articolo 3, comma 9, con la conseguenza che, una volta esaurito il termine, la prescrizione ha efficacia estintiva (non già preclusiva) - poichè l'ente previdenziale creditore non può rinunziarvi - opera di diritto, è rilevabile d'ufficio e, pertanto, deve escludersi il diritto dell'assicurato a versare contributi previdenziali prescritti" (Cassazione, sentenza del 7 novembre 2007, n. 23164).

20 febbraio 2012 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione dei crediti contributivi previdenziali e delle sanzioni civili
La legge numero 335 del 1995 (articolo 3, comma 9) prevede che le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono in dieci anni per quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie – termine ridotto a cinque anni con decorrenza 1 ...
La prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori
Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono in dieci anni per quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie – termine ridotto a cinque anni con decorrenza 1 gennaio 1996 – e in cinque anni per tutte le altre contribuzioni ...
Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale. Ciò è quanto emerge dalla lettura della sentenza n° 1412 del Tribunale di Catania, pronunciata in data 29 marzo 2012. I giudici catanesi, pur ribadendo che le cartelle originate da debiti previdenziali debbano essere ...
Prescrizione e decadenza dei crediti contributivi
In questo articolo si discute della prescrizione dei crediti contributivi, dei termini di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento e per la notifica della cartella esattoriale sempre in riferimento ai crediti contributivi. La Legge 335/95 (entrata in vigore il 17 agosto 1995) ha modificato i termini di prescrizione ...

Spunti di discussione dal forum

Prescrizione contributi INPS non pagati
Il 29/06/2015 ho ricevuto raccomandata AR dall'INPS (datata 9/06/2015) con richiesta di pagamento per contributi non versati nel 2010 (redditi 2009), il cui pagamento scadeva il 16/06/2010 (saldo risultante dalla dichiarazione Unico 2010). Tali tributi cadono in prescrizione dopo cinque anni dal giorno in cui doveva essere versato il saldo,…
Prescrizione estintiva decennale della cartella esattoriale
Quando tra la prima e la seconda notifica di una cartella esattoriale intercorrono più di 10 anni si può presentare ricorso? Recentemente mi è stata notificata per la seconda volta una cartella esattoriale relativa all'imposta ici del 1996. Vorrei cortesemente sapere se tale cartella è opponibile dinanzi alla commissione tributaria…
Bolli auto, chiarimenti sulla prescrizione triennale
Avrei bisogno di alcuni chiarimenti per quanto concerne la prescrizione dei bolli auto non pagati. 1) per bloccare la prescrizione è sufficiente una semplice lettera (come quelle che avvertono accertamento della violazione di versamento della tassa bollo) o sono necessari altri atti che comprovino il ricevimento? 2) la prescrizione come…
Notifica atti a mezzo posta – Data di perfezionamento della notifica per notificante e destinatario
Annullamento per autotutela: ricevo un avviso di raccomandata (modello 26) e il 21 gennaio 2015 ritiro l'atto riguardante una ammenda per una riduzione ici del 2009. Il timbro postale sulla busta era del 19 dicembre 2014, poi viene timbrato dall'ufficio postale dove l'ho ritiro in data 22 gennaio 2015 Quindi…
Prescrizione e decadenza tassa automobilistica (bollo auto)
Avrei qualche ulteriore quesito sul tema prescrizione e decadenza della tassa automobilistica: il termine di tre anni previsto dalla legge del bollo è di prescrizione o decadenza? (non riesco a trovare qualche legge o normativa chiara in merito). In caso di invio di ingiunzione di pagamento oltre il termine dei…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione dei crediti previdenziali - è rilevabile d'ufficio dal giudice. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione dei crediti previdenziali - è rilevabile d'ufficio dal giudice Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 20 febbraio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria prescrizione contributi previdenziali ed assistenziali - indebiti pensionistici INPS - fondo di garanzia crediti lavoro Inserito nella sezione prescrizione dei debiti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Pv78064702 2 dicembre 2015 at 12:04

    Nella sezione in cui si riferisce che la prescrizione dei debiti INPS è rilevabile d’ufficio si riporta il testo di una sentenza della Cass.: è possibile avere il riferimento di questa sentenza?

    • Annapaola Ferri 2 dicembre 2015 at 12:20

      L’informazione richiesta è questa: Cassazione, sentenza del 7 novembre 2007, n. 23164. Grazie per la segnalazione che ci ha permesso di integrare l’articolo con il necessario riferimento giurisprudenziale.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?