ATTO INTERRUTTIVO PER LA PRESCRIZIONE DEI CONTRIBUTI INPS EFFETTUATO a partire dal 1.1.1996

(Articolo 3 commi 9 e 10 legge numero 335/1995, Sentenza Corte di Cassazione numero 2100 del 2003) - Dal 1.1.1996 il termine per interrompere la prescrizione e per effettuare un successivo atto interruttivo è quinquennale.

Nel caso di formale denuncia (circolaren. 55/2000) del lavoratore dipendente o dei suoi superstiti, il termine di prescrizione rimane fermo di 10 anni per la sola contribuzione da versarsi per fondo pensioni (cosiddetto IVS) a condizione che l'INPS, successivamente alla denuncia del lavoratore, emetta un atto interruttivo nei confronti del datore di lavoro inadempiente.

Nel caso di omissione del versamento della quota a carico del dipendente, configurandosi illecito anche penale, tale atto interruttivo varrà anche quale notifica di accertamento di reato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca