Prescrizione contributi cassa forense


La prescrizione del credito della Cassa forense per contributi non pagati, nel caso in cui l’avvocato invii dati inferiori rispetto a quelli risultati dalla dichiarazione dei redditi, inizia a decorrere dalla trasmissione dei dati e non dall’effettiva conoscenza che il reddito imponibile dell’anno di riferimento era superiore a quello dichiarato.

Lo ha affermato la sezione Lavoro della Cassazione con la sentenza 6741/2012 che ha respinto il ricorso della Cassa di previdenza e assistenza forense nei confronti di un proprio iscritto. Il professionista aveva comunicato alla Cassa un reddito inferiore rispetto a quello dichiarato ai fini della dichiarazione Irpef. L’istituto aveva quindi agito nei suoi confronti per recuperare i contributi non pagati e risultanti dal maggior reddito.I giudici, però, pur riconoscendo la legittimità della pretesa della Cassa forense, hanno respinto la domanda per intervenuta prescrizione del credito.

Contro questa decisione l’ente ha presentato ricorso in Cassazione sostenendo che la prescrizione dei contributi non decorrerebbe dalla trasmissione dei dati all’istituto da parte del legale ma dalla data di conoscenza che il reddito effettivo imponibile dell’anno di riferimento era più alto.

La Suprema corte non ha accolto questa conclusione rilevando, al contrario, che l’ignoranza del titolare del diritto costituisce impedimento “di mero fatto a farlo valere e quindi non incide sulla prescrizione”, tenendo anche conto che la Cassa ha, in ogni momento la possibilità di acquisire informazioni dal Fisco.

Non solo. I giudici hanno anche affermato che, ancorché si debba convenire sulla difficoltà per la Cassa “di procedere agli accertamenti reddituali dei suoi iscritti, stante il numero sempre più rilevante, resta che la normativa non è stata modificata in ragione dell’ampliamento della platea degli assicurati”.

Ne consegue che fissare la decorrenza della prescrizione dei contributi da quando la Cassa viene a conoscenza dei maggiori redditi, “introdurrebbe nell’ordinamento una pericolosa incertezza ed un indubbio margine di arbitrio sui tempi dei controlli”.

6 Maggio 2012 · Giorgio Martini


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui





Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Prescrizione contributi cassa forenseAutore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 6 Maggio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nelle categorie , , Numero di commenti e domande: 0. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)