Prescrizione e decadenza delle cartelle esattoriali - dipende dal credito sotteso e va verificata anche la possibile notifica per compiuta giacenza

Diciamo che la prescrizione o la decadenza di un titolo esecutivo, come la cartella esattoriale, dipendono dalla tipologia del debito sotteso, dai tempi in cui sono state eseguite le iscrizioni a ruolo degli importi richiesti, e dai tempi di notifica al debitore.

Diciamo inoltre che il destinatario non può, con sicurezza, affermare che il creditore sia stato inerte, se non si conosce il carteggio che è nelle mani del creditore. Una ingiunzione di pagamento (atto interruttivo dei termini di prescrizione) potrebbe essere stata notificata correttamente per compiuta giacenza o per affissione all'albo pretorio del comune di residenza, qualora il debitore sia risultato temporaneamente irreperibile.

Diciamo, infine, che la prescrizione, così come la decadenza di un atto di quelli di cui si discute, non possono essere rilevati d'ufficio, ma devono essere fatti valere attraverso un ricorso al giudice competente, nei termini di legge previsti.

Insomma, fra l'inerzia del creditore e quella del debitore, la seconda è, nel caso specifico, certamente più deleteria della prima. Per il debitore, s'intende!

15 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca