Il preliminare di compravendita non è soggetto a revocatoria ordinaria


Il contratto preliminare di vendita di un immobile non produce effetti traslativi e, conseguentemente, non è configurabile quale atto di disposizione del patrimonio, assoggettabile all’azione revocatoria ordinaria, che può, invece, avere ad oggetto l’eventuale contratto definitivo di compravendita successivamente stipulato; pertanto, la sussistenza del presupposto dell’eventus damni per il creditore va accertata con riferimento alla stipula del contratto definitivo.

Infatti, è noto cosa si intende per atto di disposizione, vale a dire un atto che segna la risoluzione del rapporto tra un bene ed il suo titolare (venditore, ad esempio) e la ricostituzione di questo rapporto in capo ad altro titolare (ad esempio, acquirente). Il contratto preliminare non opera una vicenda simile, non risolve il rapporto tra il bene ed il suo titolare, e di conseguenza non è immediata causa della vicenda successiva, la ricostituzione di quel rapporto in capo ad altro diverso soggetto. Inoltre, tra il preliminare ed il definitivo ben possono intervenire vicende che segnano l’estinzione del credito (caparra), e che sarebbero ingiustamente irrilevanti se fosse revocato il preliminare.

Si tratta del contenuto dell’ordinanza 17067/2019 redatta dai giudici della Corte di cassazione.

30 Giugno 2019 · Piero Ciottoli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il preliminare di compravendita non è soggetto a revocatoria ordinaria. Clicca qui.

Stai leggendo Il preliminare di compravendita non è soggetto a revocatoria ordinaria Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 30 Giugno 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)