Precetto viziato - Il debitore che paga non può opporsi per eccepire la nullità dell'atto

I vizi della notifica del precetto e del titolo esecutivo devono considerarsi sanati per raggiungimento dello scopo, in virtù della proposizione dell'opposizione al precetto: opposizione che, appunto, costituisce la prova evidente del conseguimento della finalità di aver edotto il debitore del proposito del creditore di procedere ad esecuzione forzata in suo danno.

Inoltre, l'opposizione al precetto, ex articolo 617 del codice di procedura civile, sana la nullità del precetto stesso, derivante dalla mancata indicazione della data di notifica del titolo esecutivo, in virtù del principio secondo il quale la nullità non può essere pronunciata se l'atto ha raggiunto lo scopo cui era destinato.

Peraltro, se è vero che l'esatta indicazione nel precetto del titolo esecutivo è richiesta a pena di nullità, in quanto requisito formale indispensabile perché il precetto possa raggiungere lo scopo suo proprio (che è quello di assegnare al debitore un termine per adempiere e di preannunciare, nel caso di mancato adempimento, l'esercizio dell'azione esecutiva) è pur vero che non può pronunciarsi la nullità del precetto, qualora l'esigenza di individuazione del titolo risulti comunque soddisfatta, quando, ad esempio, il debitore paga l'importo portato dal precetto.

Una tale circostanza, dimostra, implicitamente, ma inequivocabilmente, che il debitore avesse ben compreso cosa gli si richiedeva di pagare.

Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 25433/14.

4 dicembre 2014 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su precetto viziato - il debitore che paga non può opporsi per eccepire la nullità dell'atto. Clicca qui.

Stai leggendo Precetto viziato - Il debitore che paga non può opporsi per eccepire la nullità dell'atto Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 4 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • cicciodelle 23 febbraio 2015 at 09:17

    Chiedo un consiglio avendo un fondo patrimoniale o ricevuto un atto ingiuntivo dal tribunale di un piccolo debito di un fornitore (debito fatto dopo il fondo patrimoniale). Devo fare opposizione all’atto ingiuntivo?

    • Ludmilla Karadzic 23 febbraio 2015 at 11:26

      Se il credito è riconosciuto, non va fatta opposizione a decreto ingiuntivo e precetto.

      Dovrà invece essere opposta, innanzi al giudice dell’esecuzione, una eventuale iscrizione ipotecaria sul bene conferito al fondo patrimoniale, se costituito prima dell’insorgenza del debito e se annotato sull’atto di matrimonio.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca