Indice del post centrali rischi - news su preavviso di segnalazione e diritto a oblio

Alla luce delle numerose istanze (reclami, richieste di parere e ricorsi) pervenute nel tempo, l'Autorità per la protezione dei dati personali ha inteso fornire, con il provvedimento interpretativo 438/2017 del 26 ottobre, chiarimenti e indicazioni di carattere generale su talune disposizioni particolarmente controverse del codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, che hanno generato dubbi interpretativi, incertezze e difficoltà applicative sia per gli operatori del credito, sia per i debitori. In particolare, come si può leggere nel seguito, Il Garante [ ... leggi tutto » ]

Il preavviso di iscrizione in centrale rischi va notificato al debitore con raccomandata AR o PEC Il codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti (codice deontologico) prevede l'invio agli interessati, da parte degli operatori, di una comunicazione contenente il preavviso di imminente registrazione nei Sistemi di Informazioni Creditizie (Sic) dei dati agli stessi riferiti al verificarsi di ritardi nei pagamenti. La ratio della disposizione è evidentemente quella di rendere edotti gli interessati delle conseguenze di un perdurante inadempimento, dando così [ ... leggi tutto » ]

Massimo 5 anni (diritto all'oblio) dalla scadenza del piano di rimborso rateale, la permanenza del nominativo del cattivo pagatore in centrale rischi La disposizione stabilisce che le informazioni relative a inadempimenti non successivamente regolarizzati possono essere conservate nei Sic non oltre trentasei mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto oppure, in caso di altre vicende rilevanti in relazione al pagamento, dalla data in cui è risultato necessario il loro ultimo aggiornamento, o comunque dalla data di cessazione del rapporto. Detta norma rende incerta l'individuazione della data di decorrenza del termine di conservazione dei dati relativi a inadempimenti non [ ... leggi tutto » ]

Nella fase di preventivo per la concessione del credito non va effettuata alcuna segnalazione in centrale rischi Sappiamo che quando si richiede un finanziamento si finisce in centrale rischi ed i dati vengono conservati per il tempo necessario all'istruttoria e comunque fino a sei mesi dalla data in cui si richiede il prestito. Ebbene alcune banche e finanziarie iscrivono in centrale rischi anche chi richiede solo un preventivo, rendendogli così impossibile rivolgersi ad altri operatori del settore prima della scadenza dei sei mesi Il codice deontologico prescrive che al momento della raccolta dei dati personali relativi a richieste/rapporti di [ ... leggi tutto » ]

13 dicembre 2017 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Illegittimità della segnalazione in Centrale Rischi - Il creditore deve provare l'invio del preavviso
Il "Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti" (Autorità per la tutela dei dati personali e della privacy) dispone che al verificarsi di ritardi nei pagamenti, il creditore aderente al sistema ...
Preavviso di segnalazione in Centrale Rischi - Se omesso la segnalazione è illegittima
Ai fini della liceità e della correttezza delle segnalazioni in Centrale Rischi gestite da società private, in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, è necessario che il preavviso di segnalazione sia non solo inviato, ma altresì pervenuto all'indirizzo del debitore al quale è destinato. Nel caso ...
Cattivi pagatori e preavviso di segnalazione con posta ordinaria - non sempre illegittima l'iscrizione in Centrale Rischi
Secondo la normativa vigente i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi, sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Tuttavia circa ...
Risarcimento danni da segnalazione illegittima in Centrale Rischi - il debitore deve dimostrare di non essere un cattivo pagatore
Secondo la normativa vigente, la giurisprudenza civile e quella dell'Arbitro Bancario Finanziario, i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi privata (CRIF, Experian, CTC) sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare ...
Illegittima segnalazione in centrale rischi privata - Risarcimento
L'Autorità per la tutela della privacy ha già chiarito, nel Provvedimento del 16 luglio 2009, l'obbligo per la banca di fornire un preavviso al debitore circa l'imminente registrazione dei dati in uno o più sistemi di informazioni creditizie private (EURISC CRIF, Experian, CTC, BDCR di Assilea ecc.) al verificarsi di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post centrali rischi - news su preavviso di segnalazione e diritto a oblio. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Centrali rischi - News su preavviso di segnalazione e diritto a oblio Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 13 dicembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2018 Classificato nella categoria cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi e conseguenze Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca