Possono togliermi la casa?

Salve, vorrei un informazione preziosa riguardante la mia posizione: ho 7 prestiti in corso con varie finanziarie, con rate che in tutto ammontano a circa 800,00 euro al mese, in più ho un prestito personale con la banca con rate di 556,00 euro mensili.

La mia busta paga è di 1400 euro netti con una cessione di 200 euro in corso. Per cui percepisco 1200 euro al mese.

Purtroppo non finisce qui!!! ho un mutuo di 250,00 euro al mese che pago regolarmente insieme al prestito personale della banca. Ho provato a fare prestiti per l’estinzione dei debiti delle finanziarie rivolgendomi sia alla banca che alle varie finanziarie, con risultato sempre negativo.

Vengo alla mia domanda: pagando regolarmente sia il mutuo della casa che il prestito personale della banca,non mi rimane nulla dallo stipendio e naturalmente non riesco a pagare le finanziarie; Possono pignorarmi la casa pur avendo solo altri 10 anni da pagare? cosa posso fare? Grazie per l’aiuto.

Se smette di pagare, la prima conseguenza sarà la segnalazione in SIC (si scordi da quel momento l’accesso al credito). Poi arriveranno i solleciti stragiudiziali.

Dopo 7-8 rate di ritardo arriverà la DBT (Decadenza del beneficio del termine). Da quel momento in poi il pericolo degli atti giudiziari si farà concreto.

Nel Suo caso la massa debitoria appare frazionata, si tratta presumibilmente di diversi piccoli prestiti, che nell’insieme possono risultare in un importo considerevole.

Gli inglesi parlano di “run into debts” io preferisco “la spirale dei debiti”, quando si accende un prestito per coprire le rate di un altro… credo che sia questo il Suo caso.

Il rischio più concreto ed immediato sarà il pignoramento del quinto dello stipendio (cessione volontaria e pignoramento del quinto possono convivere), ma varrà solo per il primo creditore che si attiverà, gli altri potranno soltanto mettersi in coda.

Il Suo immobile è già gravato da ipoteca di primo grado, i successivi creditori eventualmente procedenti, pertanto, in caso di esproprio immobiliare dovrebbero soddisfare prima la banca che ha concesso il mutuo: bisogna vedere se la capienza di valore del Suo immobile giustichi tanto sforzo, magari per debiti di poche migliaia di eur.

Consiglio: sicuramente dare la priorità al pagamento del mutuo. Se l’importo complessivo dei debiti non è basso, valutate l’eventualità di vendere l’immobile e chiudere a stralcio tutte le pendenze.

14 Maggio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Acquisire un appartamento con mutuo ipotecario dai genitori
Appartamento gravato da mutuo ipotecario con rate non pagate I miei genitori sposati, in comunione di beni, hanno acquistato un appartamento contraendo un mutuo ipotecario nel 2006. Per difficoltà economiche hanno smesso il regolare pagamento delle rate ormai da tre anni. Attualmente non hanno ancora ricevuto alcuna comunicazione formale (raccomandata) da parte della banca che formalizzi la decadenza dal beneficio del termine, solo contatti via e-mail e telefonici. E' stato proposto loro di vendere l'appartamento con un saldo a stralcio di circa 105.000,00€ a fronte di un debito residuo di 156.000,00€ circa. (Valore dell'immobile 130.000,00€ stimato da un perito). Posso ...

Siete indebitati e le società di recupero crediti vi perseguitano? Ecco come comportarsi
Ci riferiremo, tanto per fissare le idee, a debiti derivanti da acquisti effettuati avvalendosi di contratti di finanziamento per il così detto credito al consumo. La finanziaria, che non riesce a recuperare le somme erogate, non agisce direttamente contro il debitore. In genere non è organizzata, nè ha le competenze, per l'attività di esazione. Attraverso operazioni di factoring il credito viene allora ceduto alle società di recupero crediti. Chiameremo il nostro ipotetico debitore protagonista Pippo. Pippo ha comprato una cucina comprensiva di macchina del gas, frigorifero e congelatore. Con ripiani in marmo. Bene. Il tutto gli è costato 10 mila ...

Mutuo ipotecario e mutuo chirografario - quali sono le differenze?
Sto per stipulare un mutuo ipotecario per l'acquisto della mia prima casa e mi sono state proposte diverse possibilità, tra cui mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile. In più, mi hanno parlato del mutuo chirografario. Che cos'è, esattamente? Quali sono le principali differenze tra questi tipi di mutuo? Il mutuo è un finanziamento a medio-lungo termine. In genere la sua durata va da un minimo di 24 ad un massimo di 180 mesi. Di solito viene richiesto per l'acquisto, la costruzione, la ristrutturazione, l'ampliamento di immobili, ovvero per l'acquisto di impianti e macchinari. Il mutuo si chiama ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su possono togliermi la casa?. Clicca qui.

Stai leggendo Possono togliermi la casa? Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 14 Maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)